Luci d’artista a Salerno, Corte dei Conti: irregolarità nell’assegnazione degli appalti, danno erariale per 850mila euro

Salerno

Irregolarità nell’assegnazione dell’appalto per i lavori relativi alla manifestazione ‘Luci d’artista’ che da anni richiama a Salerno migliaia e migliaia di visitatori durante il periodo natalizio: a contestarle è la Procura regionale della Corte dei Conti per la Campania, al termine di accertamenti delegati alla Guardia di Finanza.

La Procura contabile ha individuato quali responsabili del danno erariale accertato, quantificato in circa 850mila euro, due dirigenti e un funzionario del Comune di Salerno, nei cui confronti sono stati notificati formali atti di contestazione degli illeciti rilevati. Le indagini del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Salerno hanno riguardato gli appalti di forniture ed opere, nonché le prestazioni rese ed i finanziamenti complessivamente erogati in occasione della decima (anno 2015/2016), undicesima (anno 2016/2017) e dodicesima (anno 2017/2018) edizione dell’evento che ormai ininterrottamente dal 2006 si svolge a Salerno.

Secondo la sezione giurisdizionale per la Campania della Procura della Corte dei Conti sarebbe stata evidenziata l’illegittimità di alcune procedure amministrative, attuate dai responsabili comunali che, relativamente all’assegnazione degli appalti che hanno comportato una spesa complessiva nel triennio di circa 8 milioni e mezzo di euro, «hanno frequentemente fatto ricorso ad onerosi affidamenti diretti anziché procedere all’indizione di gare pubbliche, così come ordinariamente previsto dalla normativa di riferimento». «Le indagini sin qui svolte hanno consentito di accertare che tale iter procedurale – secondo la Corte dei Conti – ha consentito l’affido di lavori e forniture ad un ristretto novero di società, individuate di volta in volta dai dirigenti comunali, in assenza di trasparenti procedure comparative pubbliche, ledendo così anche i principi di efficienza, imparzialità e parità di trattamento che dovrebbero caratterizzare l’agire amministrativo».

Leggi anche:
– Emergenza carceri, allarme del Garante: «Detenuti aumentati di 2.047 unità, sovraffollamento non è fake news»
– Stupro nella Circum di San Giorgio a Cremano, il referto conferma: fu abuso
– Lungo stop per il termovalorizzatore di Acerra, riaffiora l’incubo emergenza rifiuti De Luca: «Prepareremo sito di stoccaggio»
– Choc a Napoli, uomo travolto e ucciso da un camion nel cantiere di via Marina
– Roma, truffa alle assicurazioni: domiciliari per ex questore di Firenze e 2 poliziotti
– Napoli, condannato il primario Iannelli: 
disposti 9 anni, dirottava pazienti dal Cardarelli alla Villa del Sole
– Giustizia a pezzi, paura ad Arezzo:
 cede porzione di un terrazzo del Tribunale 
Sfiorati avvocati nell’ufficio sottostante
– Lavoro interinale, la società Alma sotto inchiesta. Frode da 70 milioni, ci sono 27 indagati: 3 in carcere, ai domiciliari consulenti fiscali. Sequestri in tutta Italia
– Inchiesta insabbiata su una clinica, imputazione coatta per un magistrato. Abate accusato di abuso d’ufficio: era pm a Varese all’epoca dei fatti, ora è in servizio a Como

mercoledì, 27 marzo 2019 - 10:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA