Napoletano ucciso a Città del Messico: autopsia fatta, la salma ritorna in Italia
I familiari: «Chi sa dica la verità»

De Stefano Salvatore
Salvatore De Stefano, il napoletano ucciso a Città del Messico

L’autopsia sul corpo di Salvatore De Stefano, il 35enne ammazzato a Città del Messico la scorsa settimana, è stata eseguita. E domani la salma del napoletano, che abitava nella zona di piazza Mercato, tornerà in Italia per i funerali.

I familiari di De Stefano, assistiti dall’avvocato Gennaro Demetrio Paipais, chiedono giustizia: «Nessun omicidio è iustificato – dice la sorella, Rossella De Stefano – ed è inaccettabile che alcuni media messicani riconducano il movente a una presunta truffa che avrebbe perpetrato mio fratello quando non è stato nemmeno identificato l’autore dello sparo. Tutto quello che Salvatore vendeva è dichiarato e regolarmente certificato, come si può ben constatare dalle relative documentazioni e dalla pagina Facebook del suo negozio». «Se i media locali dichiarano un determinato movente – aggiunge la donna -, allora dobbiamo pensare che qualcuno già sa tutto. Se così dovesse essere, noi familiari possiamo solo incitare chi conosce la verità a parlare e a dare in questo modo pace a Salvatore e a noi che soffriamo la perdita prematura e immeritata».

I familiari del napoletano ucciso in Messico sottolineano anche di confidare nella magistratura messicana e italiana affinché «la verità venga finalmente fuori» e ringraziano per il lavoro sinergico messo in campo che vede impegnati, in queste ore, «il nostro difensore, l’Ambasciata Italiana in Messico ed il Ministero degli Esteri».
Salvatore De Stefano si trovava all’interno del ristorante ‘Bella Donna’ quando un uomo, col cappellino con visiera in testa, è entrato e gli ha sparato. De Stefano viveva da circa dieci anni in Messico. Prima di allora abitava a piazza Mercato, la stessa zona in cui vivevano Alessandro De Fabbio – morto ammazzato in Messico – e i tre napoletani scomparsi il 31 gennaio del 2018 sempre in Messico.

Leggi anche:
Napoli, agguato di camorra tra i bimbi. Padre Modesto: «E’ aumentata la ferocia». L’eterna faida tra Rinaldi e Mazzarella
– Pasticcerie con il denaro dei Casalesi e summit di camorra: 2 arresti nel Casertano
– Omicidio Materazzo, l’affondo del pm: «Ergastolo al fratello della vittima, delitto brutale da film dell’orrore»
Traffico di stupefacenti a Napoli e provincia: arrestate 22 persone | Video
– A San Giovanni si torna ad ammazzare. Agguato di camorra davanti la scuola: morto un 57enne, gambizzato il figlio
– Stanato latitante vicino al clan Orlando, accusato di minacce a vittima di racket
– Camorra, colpo alla cosca casertana: presi capi e affiliati del clan Piccolo-Letizia Eseguite 30 ordinanze di custodia

martedì, 9 aprile 2019 - 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA