Commercialisti, focus su Blockchain ed economia delle criptovalute

Antonella La Porta e Vincenzo Moretta
Antonella La Porta e Vincenzo Moretta

«Le critpovalute sono entrate a pieno regime nel nostro sistema di scambi. In assenza di un quadro normativo, i commercialisti affiancano le imprese per contribuire ad adempiere gli obblighi previsti dalla normativa fiscale». Lo afferma Vincenzo Moretta presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli presentando il forum “Blockchain ed Economia delle Criptovalute” che si terrà mercoledì 12 giugno alle ore 14 nella sala conferenze di piazza dei Martiri, 30.

«Ad oggi l’Agenzia delle Entrate ha emanato solo circolari in risposta ad interpelli definendo le critpovalute un sistema di scambio assimilabili alle valute estere», ha evidenziato Vincenzo Tiby, consigliere delegato dell’Odcec parteopeo.

Secondo Antonella La Porta, numero uno della Federazione donne dottori commercialisti ed esperti contabili «le nuove tecnologie, attraverso le quali le critpovalute girano, sono state oggetto di approfondimento e studio in modo da garantire ai nostri clienti una consulenza sempre più vicina alle aziende».

«Abbiamo strutturato un gruppo di esperti che collabora con vari enti – ha sottolineato Bianca Bosco, segretario della Fiddoc – affinché le nuove tecnologie quali la Blockchain gli smart contract possano trovano applicazioni nei nostri sistemi aziendali attraverso la creazione di una govenance in grado di poter essere consapevole e preparata ad accogliere tali cambiamenti».

All’incontro, moderato da Giancarlo Donadio, interverranno anche Luigi de Magistris (sindaco di Napoli), Enrico Panini (assessore alle attività produttive del Comune di Napoli), Immacolata Vasaturo (consigliere tesoriere dell’Odcec  di Napoli), Giulio Di Sano (Ceo Hn-Blockchain), Gianfranco Lieto (Libreria Lieto), Ulderico Carraturo (Antica Pasticceria Carraturo), Massimo Rubino de Ritis (Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”),  Alessio Ferone (Università degli Studi “Parthenope”), Giovanni Schmid (ricercatore Icar –Cnr), Piera di Stefano (avvocato), Monica Palumbo (consigliere Fiddoc e presidente Commissione agevolazioni finanziarie), Antonio Prigiobbo (DriverNAStatrtup) e Celestino Santagata (Associazione Napoli Blockchain).

L’amministrazione comunale, con la collaborazione di Felice Balsamo, ha già avviato una serie di progetti in critpovalute presso molti esercenti napoletani che saranno presenti per fornire le loro testimonianze. Sarà inoltre un’occasione per far conoscere anche alle startup, in modo più approfondito, un nuovo mercato e poter così trovare soluzioni per l’accesso al credito, in stretta collaborazione con l’Ordine die commercialisti di Napoli.

Leggi anche:
– Avrebbe agevolato Casalesi, chiesta la condanna a 3 anni e 6 mesi per l’ex ministro Landolfi
– Omicidio dell’innocente Ciro Colonna e del boss Cepparulo: confessano le tre donne sul banco degli imputati
– Bufera sulle toghe, il giudice Morlini si dimette dalla corrente Unicost ma resta nel Csm. Polemiche dal suo ex gruppo
– Eutanasia, i giallo-verdi in difficoltà: quasi finito il tempo dato dalla Consulta, si interverrà solo sull’aiuto al suicidio
– La bufera sulle toghe travolge l’Anm: termina dopo due mesi l’era Grasso, domenica si vota il rinnovo della giunta
– Napoli, aveva quasi 2 chili di stupefacenti nel sottoscala: 43enne arrestata
– Camorra, due latitanti stanati al mare: presi esponenti del clan Rinaldi

lunedì, 10 giugno 2019 - 18:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA