Giugliano, villetta sventrata dall’esplosione di una bombola di gpl: si prega per Walter, ha ustioni sul 70% del corpo

La villetta sventrata dall'esplosione

Le condizioni di Walter Mariani sono critiche. Ieri sera a Giugliano, in località Lago Patria, una bombola di gpl è esplosa all’interno di una villetta dilaniando la struttura. Walter, che si trovava in casa con la madre Rosa, ha riportato ustioni sul 70% del corpo, prevalentemente su mani, gambe e schiena.

Il ragazzo è sedato e ventilato meccanicamente e altre terapie sono in atto per mantenere una stabilità cardiocircolatoria e tutte le restanti funzioni d’organo. “E’ già in corso un primo trattamento di escadectomia enzimatica di una parte delle aree ustionate”, si legge nel bollettino medico diramato ieri sera. La madre di Walter per fortuna è rimasta illesa. Nell’esplosione che ha sventrato la villetta a due piani, sita in via Torre Magna, è rimasto ferito in modo lieve un vicino di casa, Marco De Vivo: l’uomo è stato travolto dal crollo del muro che divideva le due abitazioni. La potente deflagrazione ha seriamente danneggiato anche la sua abitazione. Il padre di Walter al momento dell’esplosione non era in casa

Secondo una prima ricostruzione, da una delle bombolette di gas custodite in un silos sarebbe fuoriscito gas ma i presenti in casa non se n’erano accorti. Così l’accensione di una sigaretta nei pressi di quelle bombolette ha innescato l’esplosione.

Leggi anche
– 
Ponte crollato sull’A14, chiesto il processo per 4 società e 18 persone fisiche: moglie e marito rimasero schiacciati
– Napoli, pugno in faccia alla dottoresssa: aggressione nell’ospedale San Giovanni Bosco
– Era evaso dal carcere di Rebibbia a Roma, arrestato a Melito: si nascondeva in casa della vedova di un uomo degli Amato-Pagano
– Torre Annunziata, spari contro una coppia: 25enne ferita ad una gamba
– In fuga con auto rubata, sperona i carabinieri: 34enne finisce in manette
– Crisi di Governo, consultazioni in 2 giorni Mattarella detta i tempi della crisi: ultima chiamata per i Cinque Stelle e il Pd
Open Arms, sedicesimo giorno in mare con 134 migranti a bordo: la Guardia Costiera scrive al Viminale, ma Salvini tace

venerdì, 23 agosto 2019 - 12:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA