Bracciante in ‘nero’ muore in una serra
per il caldo torrido, titolare denunciato

Ambulanza

E’ morto probabilmente per il caldo torrido mentre lavorava sotto una serra per la coltivazione di meloni. Ha avuto un improvviso malore ed è deceduto subito dopo. Italiano, 55 anni, lavorava al nero in un’azienda agricola all’estrema periferia di Giugliano, in provincia di Napoli. Il fatto è accaduto mercoledì scorso ma si è appreso solo oggi.

Il titolare dell’azienda agricola, un uomo di 50 anni, è stato denunciato per utilizzo di manodopera non in regola, omicidio colposo e violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro. La salma del bracciante è stata trasferita all’istituto di medicina legale dell’universita’ “Federico II”, dove sarà eseguito l’esame autoptico.

Le indagini sono condotte dai carabinieri della caserma di Varcaturo, coordinati dal maresciallo Procolo Petrungaro. I carabinieri del posto insieme a quelli del nucleo dell’ispettorato del lavoro, hanno sanzionato l’imprenditore agricolo anche per irregolarità relative alla norme igienico-sanitarie.

Leggi anche:
– Piano lavoro della Regione Campania, lunedì le prime prove preselettive
– Incidente stradale sull’A1, un morto e 5 feriti: perde la vita un 54enne di Maddaloni
Donna trovata morta in casa, ipotesi omicidio-suicidio non riuscito a Roma Forze dell’ordine cercano il compagno
– Napoli, nella notte 18enne accoltellato vicino al cuore: ricoverato al Monaldi
Napoli, 25enne di Pianura ferito a una gamba a largo Banchi Nuovi
– Governo, Di Maio fa infuriare Zingaretti. Il segretario del Pd: «Basta ultimatum o non si va da nessuna parte»
– Governo, Di Maio detta il passo e manda in tilt il Pd: «Sì a proposte M5S o si vota, i decreti sicurezza non si toccano»

sabato, 31 agosto 2019 - 16:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA