Emergenza lavoro, Jabil: «Per Marcianise sfruttare la cassa integrazione per gestire gli esuberi senza traumi»

jabil

«Bisogna compiere insieme tutti gli sforzi, nel tempo ancora disponibile dalla proroga della CIGS, per utilizzare al massimo le opportunità messe a disposizione da questo strumento per una gestione non traumatica degli esuberi». E’ quanto sottolinea in una nota Jabil Ciruit Italia, multinazionale delle Tlc con stabilimento nell’area industriale di Marcianise (Caserta), che il 24 giugno scorso ha annunciato 350 esuberi su un totale di 706 lavoratori, «per effetto della crisi del manufacturing in Italia nel settore dell’elettronica»; passo «indispensabile – scrive l’azienda – per salvaguardare l’operatività e l’esistenza del sito di Marcianise in un contesto di mercato altamente concorrenziale».

Agli esuberi dovrebbe seguire, secondo la Jabil, la ricollocazione dei lavoratori licenziati in altre realtà produttive; operazione, quest’ultima, già realizzata con risultati alterni negli anni scorsi, in particolare dopo l’acquisto da parte della Jabil del ramo d’azienda della Ericsson con l’assorbimento di centinaia di lavoratori del sito di San Marco Evangelista. Da allora sono oltre 200 gli addetti fuoriusciti dalla Jabil, ricollocati, o che hanno usufruito di un esodo incentivato senza ricollocazione.

Nella nota, Jabil conferma dunque la volontà di proseguire per la strada annunciata, nonostante i sindacati abbiano più volte chiesto di recedere dall’intenzione di licenziare,e abbiano preteso qualche certezza in più sulle aziende in cui ricollocare gli addetti in esubero. Il 17 settembre scorso è stata prorogata la cassa integrazione straordinaria in deroga per i lavoratori Jabil, strumento che scadrà il 10 novembre prossimo; per quella data, Jabil spera di aver chiuso la partita con i sindacati e di aver in mano una lista di addetti da licenziare e poi ricollocare o che abbiano optato per l’esodo incentivato.

«Nel confronto sviluppatosi nei numerosi incontri svolti presso le varie sedi istituzionali – prosegue la nota – l’azienda ha sempre dichiarato la volontà di voler individuare un percorso condiviso, che potesse in tempi certi portare alla necessaria riorganizzazione e razionalizzazione del sito».

Leggi anche:
– Neonato trovato morto in una valigia, la madre lo avrebbe partorito e nascosto
– Colpi di pistola nella notte a Napoli, trovati 8 bossoli nel quartiere Stella
– Uccisi perché testimoni dell’omicidio del boss, il padre dei fratelli Luciani: «C’è qualcuno che sa e non parla»
– Ucciso di botte a sette anni, la madre e il compagno ‘insieme’ in aula: il padre biologico va in tv ma non al processo
– Corruzione, condannato a 4 anni e 2 mesi l’ex parlamentare Genovese
– Camion perde il carico che travolge una vettura: muore un ragazzo, grave la madre
– Incidente sul lavoro nello stabilimento Fca, muore un operaio 40enne a Cassino
– Sculaccioni e insulti ai bimbi, tre maestre sospese per due mesi: inchiesta a Crotone

mercoledì, 2 ottobre 2019 - 13:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA