Fase 2, troppe infrazioni in pochi giorni. Richiude il Real Bosco di Capodimonte

Il Bosco di Capodimonte (Foto Kontrolab(

Troppe infrazioni. E così, a pochi giorni dall’apertura, lo scorso 18 maggio, chiude il Real Bosco di Capodimonte, a Napoli. «Ben consapevoli che il rischio contagio da Covid-19 non è affatto superato e che la fase 2 è la più delicata abbiamo messo in campo specifiche misure tese a mitigare il rischio del contagio con percorsi differenziati per chi svolge attività fisica, chi va in bici e chi passeggia» si legge in una nota della direzione del Museo e Real Bosco.

«Abbiamo invitato tutti a tenere comportamenti responsabili e a osservare le regole sanitarie di contenimento del contagio da Covid-19 (divieto di assembramento, distanziamento sanitario, uso della mascherina). Le numerose infrazioni rilevate nei giorni scorsi e l’assenza di accordo con le parti sociali circa l’affiancamento della vigilanza ministeriale con personale di vigilanza privata hanno costretto la Direzione a richiudere il Bosco».

Leggi anche:
– Giustizia, si infiamma la protesta: flash mob nazionale degli avvocati
– ‘Campania divina e sicura’: il turismo riparte da uno slogan e da uno spot con Preziosi e Abbagnato dedicato a Wagner
– Condannato lo stalker di Giorgia Meloni, il casertano la minacciò su Facebook
– 
Inchiesta sugli appalti della Sanità in Sicilia, revocato incarico al capo ‘anti-Covid’ finito sotto inchiesta
– 
Frode fiscale, sequestrati beni per 43 milioni di euro: sistema ‘coordinato’ da 3 commercialisti di Roma

 

venerdì, 22 maggio 2020 - 20:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA