Pd e Cinque Stelle verso l’alleanza: Letta e Conte si vedono. Ma sull’accordo pesano i dissidi tra Grillo e Casaleggio

giuseppe conte
Il premier Giuseppe Conte (foto Kontrolab)

Pd e Movimento Cinque Stelle affrontano i primi decisivi passi per definire l’alleanza in vista delle prossime elezioni. A ottobre l’Italia va al voto, tra le città che si recheranno alle urne anche Milano, Roma e Napoli dove tocca definire tutti i dettagli dell’intesa che, in particolare a Roma, rischia di frapporre ostacoli all’accordo elettorale tra le due forze di Governo appena uscite dall’era Conte per entrare, con Lega e Forza Italia, nell’esecutivo di unità nazionale diretto da Mario Draghi.

Il primo decisivo incontro, previsto per oggi, è quello tra i neoeletto segretario Dem Enrico Letta e il futuro leader dei Cinque Stelle, l’ex premier Giuseppe Conte. In ballo c’è la costruzione di un polo di centrosinistra alternativo al centrodestra, pure in forte ambasce ultimamente per la definizione delle candidature a sindaco nelle principali città al voto. E in ballo c’è anche il passaggio del M5s nel gruppo ‘Socialisti e Democratici’ in Parlamento europeo, causa che proprio Letta promette di perorare a Bruxelles.

Il lavoro verso l’alleanza è serrato. A giocare contro sono però i ritardi nella proclamazione di Conte nuovo capo politico dei pentastellati che, stando alle ultime ricostruzioni giornalistiche, dovrebbe arrivare dopo Pasqua dopo settimane di tira e molla. L’investitura ufficiosa c’è stata già, lo dimostra il fatto che l’ex premier e avvocato sia già principale interlocutore del Pd di Letta. Ma si deve risolvere il nodo tra Movimen to e associazione Rousseau, perché proprio sulla piattaforma Rousseau, oggi in mano a Davide Casaleggio (ormai in rotta di collisione con Beppe Grillo e Di Maio) si dovrebbe votare sia il necessario cambio di Statuto che la candidatura di Conte a leader. A pesare è la richiesta di 450mila euro da parte di Casaleggio per ‘arretrati’ dovuti per la gestione del servizio. Un contenzioso che è spia del disaccordo ormai insanabile tra le due anime del Movimento, ormai completamente scisse.

Leggi anche:
– Covid in carcere, solo 2500 detenuti su 54mila sono stati vaccinati. Dosi a rilento anche per la polizia penitenziaria
– Mafia, confiscati i beni del cassiere del clan: sottochiave il patrimonio da 10 milioni. Per il Fisco era nullatenente
– Pd, il capogruppo al Senato Marcucci non vuole lasciare il posto a una donna: «Coerenza, perché segretari solo uomini?»
– Faraglioni di Capri violati e sfregiati per alimentare il mercato dei datteri di mare: 12 arresti, centinaia di indagati
– Rifiutano il vaccino e vengono sospesi senza stipendio, giudice respinge il ricorso di infermieri e operatori ‘No vax’
– «De Luca e collaboratori vaccinati prima di tutti»: la Lega fa esplodere il caso. La Regione: «Rispettati i protocolli»

mercoledì, 24 Marzo 2021 - 11:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA