Notte di paura nel Catanese: terremoto di magnitudo 4.8, una decina di feriti e crolli di palazzi e cornicioni in diversi comuni

terremoto

Le macerie sul sagrato della chiesa Santa Maria del Bogiardo nel comune di Santa Venerina, in provincia di Catania, raccontano di una notte di paura. La terra si è messa a tremare ai piedi dell’Etna. Una scossa di magnitudo 4.8 è stata registrata alle 3:19 a nord del capoluogo etneo, tra Viagrande e Trecastagni. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Viagrande, Trecastagni e Aci Bonnacorsi con un ipocentro a un solo chilometro di profondità che ha accentuato l’effetto della scossa.

Una decina di persone è rimasta ferita ma non in modo grave: i feriti hanno riportato solo lievi escoriazioni o contusioni da codice verde. Sono tutti ricoverati in codice giallo negli ospedali di Catania e provincia. Il centro più colpito dal terremoto è Fleri, molto vicino all’epicentro, dove una palazzina è crollata e due persone state estratte dalle macerie sono rimaste ferite. Nel paese sono stati registrati altri crolli e i soccorritori stanno verificando eventuali criticità. Divelti molti lampioni.

Tra i centri colpiti dal sisma anche Santa Venerina, dove sono caduti calcinacci dalla facciata della chiesa principale Santa Maria del Carmelo in Bongiardo ed è crollata una statua della Madonna del campanile della chiesa del Sacro Cuore che era stata risparmiata dal terremoto del 2002. Molta paura e qualche danno anche a Zafferana Etnea e nei centri dell’acese, tra i quali Santa Maria La Stella, dove si è creato un avvallamento sull’asfalto in via Cantagallo con una fessura larga una trentina di centimetri. A Pennisi, una frazione di Acireale, sei famiglie sono state sfollate per il crollo della parete al secondo piano di una palazzina. Inoltre è caduto anche un pezzo della chiesa.

Si è trattato della scossa più violenta da quando è iniziata l’eruzione dell’Etna, la vigilia di Natale. La terra ha continuato a tremare per molte ore: dalla mezzanotte sono state registrate ben 11 scosse di magnitudo non inferiore a nella zona dell’Etna, compresa quella di magnitudo 3.3 poco dopo l’una vicino ad Aci Sant’Antonio.

Per precauzione è stato chiuso un tratto dell’autostrada A18 Catania-Messina tra i caselli di Acireale e Giarre per la presenza di lesioni sospette sull’asfalto. L’eventuale riapertura sarà decisa dopo sopralluoghi e verifiche su sicurezza e stabilità del tratto autostradale al momento chiuso al traffico. L’eruzione sull’Etna e l’intensa attività sismica sul vulcano per ora non si ripercuotono sull’aeroporto internazionale di Catania, che rimane operativo dopo la riapertura a Natale.

mercoledì, 26 dicembre 2018 - 09:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA