Bonafede sulla riforma del processo: «Settimana decisiva, momento storico»
Ma l’Ucpi litiga con Anm e resta sola

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

«Siamo in una settimana decisiva per la riforma del processo civile e penale». Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede affida a un post su Facebook l’annuncio della svolta nella riforma della Giustizia. Tra oggi e domani «nei due tavoli con avvocati e magistrati, tireremo le fila del lavoro portato avanti fino ad ora», ha sottolineato. Annunciando quindi che «siamo all’ultimo miglio di un percorso che può portare ad un risultato storico per la giustizia del nostro Paese». Bonafede parla ancora di «lavoro proficuo» e di «un terreno comune di confronto fra tutti gli attori in campo». Messa così sembra che si è riusciti a trovare una sintesi tra le posizioni di Governo, magistratura e avvocatura.

Ma gli ultimi eventi raccontano un’altra storia. Raccontano di una magistratura più vicina alle posizioni del Governo (fermo restando la netta contrarierà alla separazione delle carriere, che non rientra però in questo pacchetto di riforme) e dell’Unione delle Camere penali italiane sempre più lontana. Non solo: raccontano di un tentativo di sintesi che l’Unione delle Camere penali e l’Associazione nazionale magistrati avevano cercato di trovare e che, invece, sabato è miseramente naufragato. Con il risultato che l’Unione resta di fatto isolata rispetto al progetto di riforma  e annuncia in una delibera (di sabato scorso) una «lotta dura» nonché la presentazione di proprie proposte in occasione del tavolo del 13 marzo al quale sono stati invitati. Nel numero oggi del quotidiano digital, disponibile su abbonamento, abbiamo raccontato questo spaccato in maniera analitica allo scopo di consentire una lettura compiuta dell’evolversi degli eventi. Per leggere il nostro quotidiano digital (non esiste versione cartacea) basta abbonarsi accedendo alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’. 

Leggi anche:
– 
Incendia l’auto con l’ex moglie all’interno: gravissima una donna a Reggio Calabria. L’uomo originario di Ercolano, era ai domiciliari
– Dall’Austria le armi per la camorra: operazione dei carabinieri, arresti in corso
– L’Ucraina mette Al Bano nella black list: «Minaccia per la sicurezza nazionale»
– Circum, arrivano le guardie giurate: disposta la vigilanza armata dopo lo stupro di una 24enne a San Giorgio
– «Bagnoli, partono le bonifiche»: l’annuncio del ministro per il Sud Barbara Lezzi, pronti 320 milioni di euro
– Obbligo vaccini, pochi i bimbi fermati. Il primo bilancio in Campania e Milano Eccezione in Trentino Alto Adige
– Nicola Zingaretti sbaracca il Pd: «Chiuderò la sede del Nazareno, spalancherò porte e finestre ai giovani»
La rotta della droga tra Costiera sorrentina e area stabiese, il maxi-blitz: 26 arresti
– Napoli, estorsione alla pizzeria Di Matteo: oggi la convalida del fermo per i Sibillo Vittime ai pm: «Paghiamo da sempre»

martedì, 12 marzo 2019 - 11:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA