Nel Casertano sequestrate 127 slot machine a imprenditori vicini ai Belforte

Polizia

La polizia di Stato e la Guardia di Finanza hanno sequestrato su ordine del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) beni mobili e immobili, nonché rapporti finanziari per un valore totale di 300mila euro ai fratelli Davide, Pasquale e Giuseppe Marciano, imprenditori operanti nel settore dello slot machine, ritenuti vicini al clan Belforte di Marcianise.

Tra i beni posti sotto sequestro anche 127 slot machine già installate presso i bar di Maddaloni e nei comuni limitrofi. I tre fratelli sono attualmente detenuti dopo essere stati arrestati nel maggio scorso anno nell’ambito di un’indagine della Dda di Napoli, perché accusati di essere i gestori, in regime di monopolio e per conto della camorra, del settore economico delle slot machine, imposte con la minaccia a quasi tutti i bar e locali di Maddaloni. Già in passato la famiglia Marciano fu colpita da un sequestro di prevenzione, ma riuscì, attraverso prestanome, a tornare in possesso delle società che gestivano la distribuzione delle slot machine. Il decreto di sequestro è stato eseguito dai poliziotti della Divisione Anticrimine della Questura di Caserta e dai finanzieri della Compagnia di Marcianise.

Leggi anche:
Corteo pro Sea Watch, 8 denunciati: c’è la consigliera di Napoli de Majo. Il sindaco: «Il reato di umanità non si processa»
Omicidio Materazzo, l’imputato cambia avvocato e fa saltare il verdetto: parti civili condannate a uno strazio infinito
– Sant’Anastasia, crolla parete di una scuola Ferita la maestra e cinque bambini
– Camorra, stangata per il clan Mazzarella: inflitti 194 anni di cella a 17 capi e gregari della cosca di San Giovanni a Teduccio
– Terrorismo in Italia, si addestravano per combattere con l’Isis: arrestati due lupi solitari, un palermitano e un marocchino
– Cassazione, arrivano 70 magistrati: ok del plenum del Csm al ‘piano Bonafede’ per risanare la Giustizia

giovedì, 18 aprile 2019 - 18:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA