«Decisione Usa anticostituzionale»
Huawei non ci sta, passa al contrattacco e si appella al tribunale statunitense

Huawei

Huawei passa al contrattacco e chiede a un tribunale statunitense di ritenere incostituzionale il divieto imposto da Washington alle aziende Usa di acquistare le sue apparecchiature di rete per motivi di sicurezza nazionale, citando i legami della società con il governo e con l’intelligence cinese.  Il gigante cinese delle telecomunicazioni ha presentato ieri alla Corte Distrettuale Est del Texas una mozione che mette in discussione la costituzionalità di una sezione del National Defense Authorization Act (Ndaa), convertito in legge dal Congresso l’estate scorsa, che vieta alle agenzie governative statunitensi e ai loro contractors di utilizzare apparecchiature di tlc di Huawei e della sua rivale Zte.

La mossa ha lo scopo di accelerare il processo per fermare «l’azione illegale» contro la società, ha detto Huawei in una dichiarazione. A marzo, il colosso cinese aveva già presentato un ricorso in cui affermava che la legge che limita la vendita delle sue apparecchiature negli Stati Uniti è incostituzionale.

«Il governo degli Stati Uniti non ha fornito alcuna prova che Huawei costituisca una minaccia per la sicurezza, solo supposizioni», ha detto il responsabile dell’ufficio legale della sociatà, Song Liuping, secondo il quale la legge «stabilisce direttamente che Huawei è colpevole, imponendogli molti vincoli con l’ovvio obiettivo di cacciarlo dal mercato statunitense. E’ «la tirannia del processo legislativo che la Costituzione americana proibisce». «Questo approccio di utilizzare la legislazione invece delle sentenze è un atto tirannico ed è esplicitamente vietato dalla Costituzione americana», ha aggiunto Song.

Lo chief legal office di Huawei ha inoltre sottolineato che la decisione di mettere l’azienda cinese, che è anche il secondo produttore mondiale di smartphone, sulla cosiddetta blacklist commerciale «crea un precedente pericoloso» che danneggerà miliardi di consumatori. «Questa decisione minaccia di danneggiare i nostri clienti in oltre 170 paesi, inclusi oltre tre miliardi di consumatori che utilizzano prodotti e servizi Huawei in tutto il mondo». «Impedendo alle aziende americane di fare affari con Huawei, il governo danneggerà direttamente più di 1.200 aziende americane, con conseguenze su decine di migliaia di posti di lavoro americani», ha concluso.

Leggi anche:
– Il ‘Manifesto del diritto penale liberale’, ogni giorno un commento degli esperti: dal 3 giugno su Giustizia News24
– Gli sparano mentre è alla guida dell’auto: «Volevano rapinarmi il Rolex, ho reagito» Indagini a San Giorgio a Cremano
– Camorra, falsi certificati per la moglie del boss Domenico Belforte: in carcere il figlio, la nuora e un medico
– Fuga di notizie sul caso Consip, 7 imputati: il gup boccia la richiesta di Alfredo Romeo di costituirsi parte civile
– Droga al Parco Verde di Caivano, chieste 19 condanne: proposti 20 anni per il ras, riceveva soffiate da un carabiniere
– Camorra, scacco al clan Cutolo del Rione Traiano: 21 arresti a Napoli | Video
– Camorra, condanna a 16 anni per l’imprenditore Nicola Inquieto, considerato il manager del boss Zagaria

mercoledì, 29 maggio 2019 - 09:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA