Tunisi, due attacchi kamikaze in città:
uno degli attentatori era una donna
Evacuato il Tribunale, presenti italiani

Tunisi

Due esplosioni oggi nel centro di Tunisi, entrambe vicino alla centralissima Avenue Habib Bourghiba. Il primo bilancio è di almeno nove feriti, tre civili e due agenti della sicurezza. Le vittime si contano in particolare nel primo attentato, che è stato condotto da una donna kamikaze, nei pressi dell’ambasciata francese al passaggio di una pattuglia della sicurezza, in Rue Charles De Gaulle, una traversa di Avenue Bourghiba.

La seconda esplosione è avvenuta contro il quartier generale delle forze di sicurezza dell’antiterrorismo nella capitale tunisina. Anche il secondo attentato sarebbe kamikaze e si parla di quattro agenti della polizia feriti, anche se il bilancio non è ufficiale. Secondo le emittenti satellitari “al Jazeera” e “Sky News” ci potrebbero essere dei morti.

Il tribunale di primo grado di Tunisi a Bab Bnet è stato evacuato su ordine del procuratore della Repubblica della capitale tunisina, come pure sono stati evacuati avvocati e visitatori dal carcere di Mornaguia. Al momento dell’esplosione in Tribunale erano presenti anche il magistrato napoletano Sergio Zeuli, attualmente rappresentante del Consiglio di Stato italiano, per conto dell’Unione europea, presso la Repubblica tunisina. Zeuli sta curando il progetto di gemellaggio Italia-Tunisia sulla giustizia; con lui in Tribunale erano presenti i suoi collaboratori, tutti italiani.

Leggi anche:
– Le mani dell’Alleanza su Napoli, documentati gli incontri tra i vertici dei clan. In fuga Maria Licciardi
– Maxi blitz contro la camorra a Napoli, eseguiti oltre 100 arresti: l’inchiesta si abbatte sui Contini, Licciardi e Mallardo
– Camorra, Romano ammazzato dal suo stesso clan perché pericoloso: presi mandante e killer. Misura cautelare per il boss Riccio
– Piazza di spaccio nell’appartamento, ragazzini e bambini utilizzati come pusher: famiglia arrestata nel Napoletano

giovedì, 27 Giugno 2019 - 13:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA