Incendio nel parco condominiale a San Giorgio a Cremano, il sindaco Zinno: «Incendio doloso, vogliono intimidirmi»

Incendio Zinno

Con il passare delle ore appare sempre più chiaro il movente dell’incendio che questa notte ha distrutto 7 mezzi tra auto e ciclomotori in via San Giorgio Vecchio a San Giorgio a Cremano (in provincia di Napoli). Prende corpo la pista dell’incendio doloso e la volontà di qualcuno di intimidire il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, proprietario di uno dei motorini andati in fiamme.

«Sembra purtroppo chiaro che l’incendio sia doloso e che vi sia, da parte di qualcuno, la voglia di intimidirmi. Ho piena fiducia nella magistratura e nelle forze dell’ordine che stanno indagando e dunque non è opportuno che io entri maggiormente nel merito della vicenda, ma ci tengo a ringraziare i carabinieri» scrive il primo cittadino di San Giorgio. Nell’esprimere «dispiacere» per i danni provocati ai mezzi di altri proprietari che vivono nel parco, Zinno ringrazia i Carabinieri «in particolare, il comandante Avolio della stazione di San Giorgio a Cremano, che ieri sera è giunto sul posto avviando le indagini, e il comandante Corda della Compagnia di Torre del Greco, che stamane è venuto a San Giorgio a Cremano per esprimermi solidarietà e seguire da vicino l’attività inquirente». Zinno aggiunge: «Io non ho paura. Io continuerò a camminare a testa alta nella città che amo e la cui amministrazione i sangiorgesi mi hanno affidato. I vigliacchi che hanno compiuto questo gesto sono persone non degne della nostra comunità civile e devono avere ben chiaro che non faremo mai un passo indietro sulla strada della legalità e della tutela dei diritti dei cittadini. La nostra è una comunità di persone perbene che mai si piegherà a logiche perverse».

Leggi anche:
– Minacce e violenze alla madre anziana per estorcerle soldi e giocare alle slot machine: arrestato 51enne
– Incendio in un parco condominiale, distrutti 7 mezzi: danneggiato il motorino del sindaco di San Giorgio a Cremano
– Poliziotto uccide la moglie, le due figlie e si suicida nel Foggiano
– Carabiniere ubriaco imbocca contromano la statale: un morto e 2 feriti a Lecce
– Progettarono di rubare le salme di Ferrari e Pavarotti: condanne confermate in Appello
– Morte di Piermario Morosini, la corte d’Appello assolve i tre medici
– Napoli, 47enne ferito a una gamba da colpi d’arma da fuoco nel quartiere Mercato
– Camorra a Rimini, anche il nipote del boss Eduardo Contini tra i 10 destinatari della misura cautelare

sabato, 12 ottobre 2019 - 16:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA