Lavori a casa della figlia con i soldi della società municipalizzata, in manette direttore generale nel Varesotto

Carabinieri
I militari dell'Arma (foto Kontrolab)

Il direttore generale di una società municipalizzata del Comune di Castellanza (Varese) è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di truffa aggravata ai danni di ente pubblico e peculato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Busto Arsizio (Varese). Tra le accuse, quella di aver caricato sui costi aziendali i lavori di ristrutturazione di casa di sua figlia. Indagati per concorso in peculato anche una farmacista di Castellanza (Varese) e un imprenditore di Legnano (Milano).

Alla direzione della ‘Csp’ di Castellanza (Varese), il direttore generale oltre a caricare 13 mila euro di costi per il restauro della casa della figlia alla società, avrebbe anche fatturato 50 ore lavorative mai svolte alla titolare di una farmacia del medesimo comune. La donna è indagata per truffa aggravata in concorso. Indagato in concorso per peculato anche un imprenditore 61enne, titolare di una ditta di infissi di Legnano, il quale avrebbe emesso alcune fatture per lavori di manutenzione relativi a immobili di proprietà della ‘Csp’, quando invece sarebbero serviti a installare i serramenti nuovi in casa della figlia del dirigente. L’indagine è partita lo scorso aprile dalla denuncia di una dipendente della municipalizzata, che si occupa dei servizi pubblici locali, tra cui servizi farmaceutici e cimiteriali, gestione e manutenzione di centri sportivi, del patrimonio immobiliare e delle mense scolastiche.

Leggi anche:
– Processo all’ex sindaco di Casapesenna, il legale chiede l’assoluzione: «Zagaria ha sempre fatto iniziative anticamorra»
– Lido distrutto dalle fiamme nel Casertano, indagini sull’origine dell’incendio
– Perde il controllo della moto e si schianta, un morto e un ferito grave a Cagliari
– Convince un’anziana a salire in macchina, la rapina e la scaraventa in terra prima di fuggire: 36enne arrestato a Catania
– Napoli, crolla un albero al Corso Umberto I. L’accusa di De Giovanni (I Municipalità): «Non c’è manutenzione del verde»
– Camorra, blitz contro i Sibillo: 22 arresti Estorsioni imposte alle pizzerie, il boss Pasquale dettava ordini dal carcere
Cascina esplosa, tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti i dissidi tra familiari ed il risarcimento assicurativo

mercoledì, 6 novembre 2019 - 10:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA