Processo all’ex sindaco di Casapesenna, il legale chiede l’assoluzione: «Zagaria ha sempre fatto iniziative anticamorra»

Tribunale Santa Maria Capua Vetere
Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere

«Zara era zero politicamente, voleva fare tutto da solo, e la sua ingratitudine verso Fortunato Zagaria rivela la sua pochezza umana». Usa parole molto dure l’avvocato Giuseppe Stellato nel corso dell’arringa tenuta al processo in cui assiste l’ex sindaco di Casapesenna (Caserta) Fortunato Zagaria, imputato al tribunale di Santa Maria Capua Vetere per violenza privata con l’aggravante mafiosa insieme al boss dei Casalesi Michele Zagaria (sono omonimi ma non parenti); parte offesa, costituitasi parte civile, un altro ex sindaco del paese natale del capoclan, Giovanni Zara, primo cittadino di Casapesenna per meno di un anno a cavallo tra il 2008 e il 2009, quando fu sfiduciato dalla sua stessa maggioranza e dal suo vice-sindaco, appunto Fortunato Zagaria, in quanto, secondo la Dda di Napoli che ha coordinato le indagini e retto l’accusa in giudizio – sostituto Maurizio Giordano – si era messo contro il clan.

Il processo è partito dalla denuncia di Zara contro Fortunato Zagaria, che per questi fatti fu anche arrestato nel 2010 mentre era sindaco per la terza volta; per la Dda Zara fu più volte minacciato dal suo vice-sindaco per la sua aperta politica contro il boss Zagaria, che tra il 2008 e il 2009 era latitante e si nascondeva proprio a Casapesenna. A Fortunato Zagaria, durante il processo, è stato contestato anche il concorso esterno in camorra, perché ritenuto colluso con il boss, così come dichiarato da numerosi ex fedelissimi del capoclan poi divenuti collaboratori di giustizia. «Non si può pensare che Zagaria fosse sindaco del clan – ha proseguito Stellato – in quanto nessun pentito dice per averlo appreso direttamente, ma solo de relato. Fortunato Zagaria ha sempre fatto iniziative anticamorra, mentre Zara solo proclami». Stellato ha poi chiesto l’assoluzione da tutti i capi di imputazione per l’ex primo cittadino. Il pm, nel corso della requisitoria, aveva chiesto 10 anni di carcere.

Leggi anche:
– Lido distrutto dalle fiamme nel Casertano, indagini sull’origine dell’incendio
– Perde il controllo della moto e si schianta, un morto e un ferito grave a Cagliari
– Convince un’anziana a salire in macchina, la rapina e la scaraventa in terra prima di fuggire: 36enne arrestato a Catania
– Napoli, crolla un albero al Corso Umberto I. L’accusa di De Giovanni (I Municipalità): «Non c’è manutenzione del verde»
– Camorra, blitz contro i Sibillo: 22 arresti Estorsioni imposte alle pizzerie, il boss Pasquale dettava ordini dal carcere
Cascina esplosa, tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti i dissidi tra familiari ed il risarcimento assicurativo 
Caso Ilva, mentre Conte studia le carte la maggioranza di governo si divide
Paura nel Salernitano per una scossa di terremoto: epicentro nel Golfo, nessun danno a cose e persone
Case da abbattere a Terzigno, la protesta delle madri in Regione: «Siamo vittime di una truffa, non ci arrendiamo»
Nomina del nuovo Pg della Cassazione, audizioni per 9 candidati alla successione di Riccardo Fuzio
Mazzette per superare l’esame da legale a Napoli, Tafuri (Ordine avvocati): «Imbroglietto che fa tristezza»
Emergenza maltempo in Campania: scuole e cimiteri chiusi anche domani a Napoli
Faida di Scampia, 20 anni al boss Amato: in secondo grado cancellato l’ergastolo per il duplice omicidio Montanino-Salierno 

mercoledì, 6 novembre 2019 - 10:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA