Cardito, bimbi pestati dal patrigno: Noemi a scuola coi lividi, alcune maestre denunciarono alla preside

I funerali di Giuseppe Dorice, il bimbo di. 7 anni ucciso di botte dal patrigno (foto Kontrolab)

Una volta si presentò in classe con un livido sulla guancia. Un’altra ancora con un cerotto sull’orecchio. Altre volte aveva lividi e tumefazioni in diverse parti del corpo. A raccontare che Noemi Dorice, la bimba d Cardito sopravvissuta al pestaggio da parte del patrigno, si recava a scuola con i segni delle botte è un’insegnante, non indagata.

La docente – ascoltata come teste in Corte di Assise al processo sul pestaggio che provocò la morte del piccolo Giuseppe Dorice –  ha anche riferito di avere appreso dalla bimba che era Tony Badre a picchiarla. La docente, in particolare, si è soffermata su un episodio del 18 gennaio, nove giorni prima del massacro.

Leggi anche: | Cardito, bimbo ucciso di botte: le maestre non rispondono ai giudici, sono già imputate per avere taciuto i lividi |

«La bimba aveva un cerotto sull’ orecchio. Io e una collega le chiedemmo spiegazioni. Lei all’inizio disse varie cose, poi ammise che era stato il compagno della mamma», ha detto la docente. Subito dopo le insegnanti stilarono una relazione nella quale furono annotati anche altri episodi di lividi notati da altri colleghi. La relazione fu inviata al dirigente scolastico, imputata in altro procedimento per omessa denuncia perché non segnalò alle autorità competenti i maltrattamenti subiti dai bimbi.

Leggi anche:
– 
Secondigliano, dà appuntamento ad una donna su Facebook ma in piazza trova un gruppo di giovani che lo pestano a sangue 
– Trafficante di droga catturato dalla Dia nel ristorante de L’Aja in cui era chef: decisiva una task force italo-olandese 
– Svaligiava banche col piede di porco, rapinatore seriale vicino ai Mallardo arrestato a Giugliano 
– Fondazione Open, finanziamenti illeciti nel mirino dei pm di Firenze ma l’inchiesta si trasforma in scontro tra Renzi e Di Maio 
– Indagini dell’Antitrust sul servizio di recapito delle raccomandate di Poste Italiane. Funzionari nella sede della società
– Prescrizione, Conte insiste sulla riforma ma Orlando (Pd) frena: maggioranza ancora nel caos
– A Ponticelli maxi sequestro di champagne e liquori contraffatti, denunciato 38enne
– Terremoto in Albania, salgono le vittime: accertati 18 morti, 43 persone estratte vive dalle macerie
– Uccide il marito cospargendolo di benzina e dandogli fuoco: arrestata a Rieti
– Clan Mauro, 4 anni di storia criminale tra alleanze, faide ed estorsioni: «Ringrazia me che sei vivo, porta 20mila euro»
– Errore giudiziario, liberi dopo 36 anni: quei 3 ‘ragazzi’ del Maryland accusati di omicidio rovinati da indagini ‘pilotate’
– Lavoro, De Luca: «Basta bruciare miliardi per il reddito, bisogna creare lavoro per dare dignità ai giovani»

mercoledì, 27 Novembre 2019 - 11:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA