Camorra, ucciso per uno scambio di persona Condanne confermate in Appello per due esponenti della cosca dei Belforte

Rega Vittorio - Vittima innocente di camorra
Vittorio Rega, vittima innocente della camorra

Condanne confermate in appello per gli esponenti del clan Belforte di Marcianise (Caserta) Pasquale Cirillo, 48 anni e Antonio Bruno, 62 anni, accusati dell’omicidio di Vittorio Rega, geometra ucciso per errore, nel 1996: viaggiava a bordo di una vettura uguale a quella del vero obiettivo dei due killer. Per Cirillo la Corte d’Assise d’Appello di Napoli ha confermato i 30 anni del primo grado; venti anni la condanna confermata per Bruno. In primo grado è stato condannato a 20 anni anche il boss Salvatore Belforte (non ha fatto ricorso in Appello), che nel periodo in cui era collaboratore di giustizia – status poi revocato – ha confessato di aver ordinato il delitto nel corso del quale Rega fu ucciso per sbaglio.

Il geometra fu una vittima innocente della sanguinosa faida che ha contrapposto per anni i due clan camorristici di Marcianise, i Belforte, noti come ‘Mazzacane’, e i Piccolo, soprannominati ‘Quaqquarone’; una faida che portò la prefettura di Caserta a ordinare un vero coprifuoco, ordinando a bar e locali pubblici di chiudere. Rega fu trovato agonizzante il 30 luglio 1996 nelle campagne di Maddaloni, ma riuscì comunque a riferire l’accaduto agli agenti di polizia; per anni però i responsabili dell’omicidio sono rimasti ignoti. La svolta c’è stata nel marzo 2018, quando la squadra mobile di Caserta, con il coordinamento della dda di Napoli, ha chiuso l’indagine sul delitto notificando le ordinanze di custodia cautelare ai due presunti sicari, gli affiliati storici Cirillo e Bruno, da anni detenuti.

Dall’inchiesta è emerso che il vero obiettivo dei killer era Giovanbattista Tartaglione, storico affiliato al clan Piccolo. Tartaglione comunque morì; fu trovato infatti carbonizzato nelle campagne di Caivano (Napoli), in una Fiat Punto, due mesi dopo l’assassinio di Vittorio Rega. Cirillo e Bruno sono stati difesi dagli avvocati Franco Liguori e Alessandro Barbieri.

Leggi anche:
– Nella Napoli delle ‘sardine’ e del ‘no’ all’odio spunta una svastica: l’immagine su una panchina in piazza Municipio
– Uccise l’ex moglie e ferì il suo compagno, rito abbreviato per agente penitenziario
– Sequestrate 2,5 tonnellate di ‘botti’ illegali nel Casertano, arrestate due persone: valore stimato 150mila euro | Video
– Venezia, prova generale per il Mose: test riuscito alla bocca di porto di Malamocco | Video
– Abusivismo, le ruspe abattono villetta per le vacanze in area protetta a Mondragone
– Test d’accesso a Medicina del 2015, il Tar del Lazio annulla la graduatoria ed ammette i ricorrenti ai corsi di laurea
– Tratta e rapine: arresti della mafia nigeriana, sgominati due clan in Italia ed all’estero 
– Drammatico incidente nel Napoletano: 15enne si mette alla guida della Smart del padre, sbanda e muore 
– Elezioni regionali in Campania, il centrodestra cerca il suo ‘Maradona’ e non per tutti si tratta Stefano Caldoro 
– «Regalo di Pasqua» sotto forma di pizzo per il clan, arrestato un 31enne: decisiva la denuncia di un negoziante 
–  Condanna espiata, Dell’Utri libero: restano aperti i processi libri antichi spariti dai Girolamini e sulla trattativa Stato-mafia 
– Pizzaiolo massacrato di botte e ucciso, imputato condannato a 23 anni
– Permessi premio a chi si macchia di reati gravi, la duplice lezione dopo l’attacco al London Bridge
– Prescrizione, l’Anm appoggia Bonafede: penalisti lasciati soli, da oggi sciopero e maratona oratoria davanti alla Cassazione

martedì, 3 dicembre 2019 - 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA