Pizzaiolo massacrato di botte e ucciso, imputato condannato a 23 anni

Tribunale

Condanna a 23 anni per Madalin Costantin Palade, il romeno accusato dell’omicidio di Rocco Desiante, il pizzaiolo 43enne di Gravina di Puglia (Bari) massacrato di botte la notte tra il 3 e il 4 ottobre del 2018, all’interno di un appartamento di Castiglione di Cervia, nel Ravennate, che un amico gli aveva messo a disposizione.

Lo hanno deciso, dopo cinque ore e mezza di camera di consiglio, i giudici della Corte d’Assise di Ravenna. La Corte ha condannato l’imputato anche al pagamento di una provvisionale, una sorta di anticipo sul risarcimento danni da stabilirsi in sede civile, in favore dei quattro fratelli della vittima e alla madre, costituitisi parte civile con l’avvocato Francesco Furnari. La procura, con i pm Alessandro Mancini e Antonio Vincenzo Bartolozzi, aveva chiesto l’ergastolo, ma i giudici hanno escluso l’aggravante delle crudeltà, contestata nel corso del dibattimento a causa dell’esito dell’autopsia (il 43enne fu colpito più volte alla testa anche quando aveva ormai perso i sensi).

Per quanto riguarda il movente, secondo l’accusa è maturato nell’ambiente della droga. Le motivazioni verranno depositate entro 90 giorni dopodiché la difesa – avvocati Carlo Benini e Silvia Brandolini – ha già annunciato ricorso. Madalin Costantin Palade, 20 anni, già detenuto nel carcere di Ravenna, fino ad oggi non aveva mai parlato, ma ha rilasciato delle dichiarazioni spontanee prima che i giudici si ritirassero in camera di consiglio, negando il delitto e riducendo la ricostruzione accusatoria a mere coincidenze.

Leggi anche:
– 
Permessi premio a chi si macchia di reati gravi, la duplice lezione dopo l’attacco al London Bridge
– Prescrizione, l’Anm appoggia Bonafede: penalisti lasciati soli, da oggi sciopero e maratona oratoria davanti alla Cassazione
– Siena, docente esalta Hitler su Twitter: l’Ateneo presenta un esposto in procura, avviato procedimento disciplinare
– Caserta, secondo raid in un ufficio postale: ‘colpo’ fallito in località Staturano
– Forti alluvioni in Francia, precipita elicottero di soccorritori: 3 morti. Salgono a 5 i deceduti per il maltempo
– Quattro milioni di litri di carburante venduti ‘in nero’, arrestate 16 persone
– Conferenza per l’ambiente a Napoli: scontri tra forze dell’ordine ed attivisti di Fridays for future a Castel dell’Ovo
– Parcheggiatore abusivo accoltellato in corso Garibaldi, alla polizia ha raccontato di avere reagito ad un tentativo di rapina 
– Fiamme in una società di gestione rifiuti di Pascarola, interdittiva per il legale rappresentante: il rogo fu colposo 
– Spari contro un’auto ai Quartieri Spagnoli, bersaglio dell’intimidazione è un 62enne dipendente dell’Asìa 
– Fondo salva Stati, intesa dopo vertice notturno a Palazzo Chigi: decisione solo dopo la risoluzione delle Camere 
– Uccide il marito dandogli fuoco, il gip convalida il fermo: disposto il carcere, la donna è rimasta ustionata nel rogo
– Il compagno l’aggedisce, lei fugge scalza in caserma e denuncia: arrestato 35enne
– Operazione ‘Buche d’Oro’, 9 arresti per corruzione nei lavori di manutenzione sulle strade Anas di Catania

lunedì, 2 dicembre 2019 - 19:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA