Boss scarcerati, il pm Maresca sulla circolare del Dap sospesa: «Finisce una pagina brutta»

Il pm Catello Maresca (foto Kontrolab)

«Finalmente hanno revocato – rectius sospeso – la famigerata circolare del DAP del 21 marzo. Un provvedimento del 6 giugno che per importanza e delicatezza porta la firma congiunta del capo e del vicecapo del Dipartimento. Ancora una volta di sabato. Deve portare male questo giorno. Proprio mentre il Tribunale di Sorveglianza di Sassari stava valutando se rimettere in carcere Pasquale Zagaria, poi lasciato ai suoi comodi arresti domiciliari». Così, Catello Maresca, magistrato napoletano che si è distinto nella lotta al clan dei Casalesi, commenta la decisione del Dap di sospendere la circolare della discordia che ha determinato come conseguenza la concessione dei domiciliari a centinaia di detenuti, alcuni dei quali appartenenti a organizzazioni mafiose.

«Si pone fine alla pagina più brutta della storia della gestione carceraria di questo Paese. Anzi no. Per ora se ne “sospende l’efficacia”», sottolinea Maresca, secondo il quale, però, «c’è ancora molto che non va» e «bisogna continuare a lavorare». Maresca, però, dice di non comprendere «le ragioni di una scelta ancora ambigua e poco coraggiosa. Vedo il bicchiere mezzo vuoto! La circolare si sarebbe dovuta revocare subito, cancellare, distruggere, e cercare di sbiadirne rapidamente anche il ricordo, non fosse altro per rispetto di tutte le vittime dei mafiosi e degli assassini che ha contribuito a far scarcerare». «Ed intanto Pasquale Zagaria, e molti altri mafiosi – ricorda il magistrato – continuano a restare a casa. Mentre gli ex dirigenti del DAP stanno disegnando davanti alla Commissione Antimafia un quadro ancora più fosco di questa brutta storia».

Leggi anche:
– 
La ‘ndrangheta in Emilia Romagna, confiscati beni per oltre 500mila euro all’imprenditore legato a Grande Aracri
Accusato di stupro, il giornalista Massari resta in cella: il gip sposa la linea del pm e Mediaset sospende il professionista
Processo Olimpo, sulla bomba al Sole 365 l’imprenditore Apuzzo fa un passo indietro e smentisce le intercettazioni
Corruzione, Formigoni sconterà la pena ai domiciliari: respinto in Cassazione il ricorso presentato dal pg
Derivati Monte dei Paschi di Siena, il pm insiste: «Assoluzione per Profumo e Viola, niente inganno nelle loro azioni»
La Commissione europea apre un’indagine antitrust nei confronti del colosso Apple
– Si fingevano Finanzieri per compiere rapine nelle abitazioni: 10 arresti
Agguato a San Giorgio a Cremano, ucciso il fratello del pentito che accusó il ras Vincenzo Troia di omicidio

mercoledì, 17 Giugno 2020 - 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA