Campobasso, detenuto evade del carcere: agente della Penitenziaria lo colpisce mentre lui si è arreso, sospeso dal servizio

carcere

Il video ha fatto il giro del web e ai piani alti del ministero della Giustizia e del Dipartimento della Polizia penitenziaria non hanno potuto ignorarlo. Un assistente capo della Polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale di Campobasso è stato sospeso dal servizio sino all’esito del procedimento disciplinare che è stato aperto a suo carico. Durante la sospensione del servizio percepirà un assegno alimentare pari alla metà dello stipendio e degli altri assegni a carattere fisso.

La sanzione è stata disposta dal Dap perché, mercoledì scorso, l’assistente capo, come emerge dalla visione del video che ha fatto il giro del web, ha ripetutamente colpito con schiaffi un detenuto che era evaso quando il detenuto si era ormai arreso. Le immagini mostrano il detenuto fermo, in piedi, con le spalle contro le sbarre del muro di cinta del carcere. Lo circondano tre agenti. L’assistente capo impugna la pistola (e fin qui siamo nel pieno del rispetto della procedura), solo che mentre il detenuto è immobile lui gli molla qualche ceffone mentre i due colleghi gli intimano di fermarsi e uno lo spinge anche qualche passo indietro. Il detenuto viene fatto poi sedere a terra e a questo punto l’assistente capo gli molla un calcio. La scena è stata ripresa da un cittadino che ha poi postato il video sui social network.

Si è reso opportuno «procedere alla sospensione dal servizio dell’Assistente Capo anche prima che sia iniziato o esaurito il procedimento disciplinare – si legge nel decreto del Capo Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini – al fine di tutelare immediatamente sia l’ordinato svolgimento dell’attività dell’Amministrazione sia il prestigio, l’imparzialità e l’immagine della stessa».

Leggi anche:
– Skype arriva nelle carceri italiane, così cambiano i colloqui tra detenuti e familiari
– 
Morta a Napoli a 36 anni, Anna era incinta ma non lo sapeva: «Un’ecografia l’avrebbe salvata». Denuncia alla procura, scatta l’inchiesta
–  Investono e aggrediscono con un cric un ivoriano, fermati 4 ragazzi nel Napoletano La vittima: «Sono nero e devo morire?»
Sanità campana, manager sotto accusa. La Corte dei Conti: «Spending review ignorata, danno erariale per 5 milioni»
– Afragola, torna l’incubo crolli: palazzina collassa come accadde nel luglio 2010 quando morirono 3 persone

sabato, 2 febbraio 2019 - 11:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA