Deceduta col bimbo morto in grembo:
la procura dispone l’autopsia sul feto

Anna Siena, la 36enne della Pignasecca si sarebbe dovuta sposare a settembre

La Procura di Napoli (VI Sezione – Lavoro e Colpe professionali, sostituto procuratore Ciro Capasso) ha disposto degli accertamenti tecnici irripetibili sul feto senza vita che Anna Siena – la donna di 36 anni deceduta lo scorso 18 gennaio nell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli dal quale era stata dimessa per una lombosciatalgia tre giorni prima – aveva in grembo prima di morire. L’esistenza del feto che, secondo quanto si è appreso, era di circa trenta settimane, è emersa durante l’esame autoptico eseguito sul corpo della donna, lo scorso primo febbraio, nel Secondo Policlinico. Al momento risultano indagati due medici dell’ospedale dove i familiari di Anna (assistiti degli avvocati Angelo e Sergio Pisani) portarono più volte la donna in preda a lancinanti dolori all’addome. Gli accertamenti sono in programma lunedì prossimo.

Leggi anche:
Cardito, i pusher nascondono la droga sotto le panchine dei giardini pubblici frequentati dai bambini
– Inchiesta su Di Lauro e Vanella Grassi: stangato (ex) finanziere al soldo del boss Condannati in 14, assolto Mennetta
– Accoltellati per futili motivi a Riccione: due 23enni ricoverati in gravi condizioni

– Manuel, gli aggressori restano in cella Confermata l’accusa di tentato omicidio Lui fa un audio: «Tornerò più forte»
– Uccise la moglie con un colpo di pistola, l’Appello non fa sconti a D’Aponte: confermata la condanna all’ergastolo. L’omicidio avvenne a Sant’Antimo in provincia di Napoli

– A Posillipo il percorso della vergogna: strade interrotte, muri crollati e rifiuti. La protesta dei residenti caduta nel vuoto
– Manuel e la sfida di una nuova normalità. Dice alla mamma: «Fatti forza, ce la farò». Il triste risveglio: «Non sento nulla»

sabato, 9 febbraio 2019 - 17:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA