Camorra, piazze di spaccio e intimidazioni Presi i vertici del clan Ligato: 18 arresti

Carabinieri

Diciotto misure cautelari, di cui 15 in carcere e tre ai domiciliari, per esponenti di vertice e affiliati al clan Ligato di Pignataro Maggiore, nel Casertano. Il gip del tribunale di Napoli ha firmato i provvedimenti restrittivi dopo una indagine dei carabinieri e della squadra mobile di Caserta che contesta agli indagati i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, danneggiamento seguito da incendio, lesioni personali aggravate, detenzione di armi e materie esplodenti, porto abusivo d’arma, violenza privata e minacce aggravate nonché detenzione illegale di una bomba a mano, tutti aggravati dalla aver agevolato la cosca.

Un’inchiesta nata nel 2017 dove sono poi confluiti i risultati dell’indagine della squadra mobile relativa all’esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco nella saracinesca in un’agenzia di pompe funebri a Sparanise il 28 febbraio dell’anno scorso. L’inchiesta, dunque, abbraccia una serie di gravi episodi di violenza e intimidazione avvenuti tra il 2016 e 2018 nei comuni di Sparanise, Capua, Pignataro Maggiore e Vitulazio.

Già lo scorso maggio erano state arrestate 6 persone del clan tutt’ora detenute. La cosca, per gli investigatori, è erede del vecchio cartello Lubrano-Ligato, un gruppo che ha ripreso vigore perché era necessario far fronte all’assistenza economica di molti affiliati detenuti. Da qui il traffico di droga e l’uso della violenza per affermare la propria egemonia sul territorio. Il gruppo è guidato da Raffaele Ligato e dai suoi figli che hanno riorganizzato una struttura camorristica nell’area calena, monopolizzando il mercato di droga tra Pignataro Maggiore, Calvi Risorta, Sparanise e Vitulazio, organizzando piazze di spaccio gestite anche da persone finora mai finite nel mirino degli inquirenti.

Dopo la sua scarcerazione, avvenuta il 2 dicembre 2015, Raffaele Ligato, che è tra i destinatari del provvedimento ed è figlio di Antonio Ligato detenuto al 41 bis e all’ergastolo, ha ricreato l’egemonia della sua famiglia e insieme alla sorella Felicia gestisce la cosca dando vita a una serie di roghi di auto, aggressioni a persone, intimidazioni con l’esplosione di colpi di armi da fuoco contro attività commerciali. In particolare, l’11 dicembre 2016 a Capua insieme a Davide Iannuario, altro destinatario di provvedimento restrittivo, ha fatto esplodere una bomba e ha esploso colpi di fucile contro l’abitazione di un suo presunto concorrente nell’attività di spaccio.

Leggi anche:
Caso Consip, il Csm assolve i pm Woodcock e Carrano dalla violazione dei diritti di difesa e dignità di Vannoni
– Marco Di Lauro, fissati 2 interrogatori: deve rispondere di due nuove accuse di traffico di sostanze stupefacenti
– Melito, uccisa con tre colpi di pistola: domani Tamburrino davanti al gip, disposta l’autopsia sul corpo di Norina
– La morte di Norina tradisce Marco Di Lauro Tamburrino al pm: «Ero andato da lei per uccidermi, ho sparato a occhi chiusi»
– Finisce la fuga del boss Marco Di Lauro: arrestato dopo quasi 14 anni, stanato nella zona di Chiaiano
– Camorra, tuta bianca e nera e capo chino: il boss Marco Di Lauro esce dal covo tra gli applausi della folla | Video

martedì, 5 marzo 2019 - 08:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA