Bimba ferita nel raid in piazza Nazionale, l’applauso nel reparto del Santobono quando Noemi ha aperto gli occhi

Antonio Del Re
Antonio Del Re (foto Kontrolab)

Quando Noemi ha aperto gli occhi, nel reparto dell’ospedale Santobono dove la bimba di 4 anni è ricoverata da venerdì scorso (quando è rimasta vittima, per errore, dell’agguato in piazza Nazionale) è partito un applauso. L’applauso di medici e infermieri. L’applauso dei ‘camici bianchi’ che hanno fatto di tutto per strappare Noemi alla morte. Un applauso di gioia. Noemi adesso respira autonomamente: il ventilatore meccanico cui la bimba era attaccata a causa dell’insufficienza respiratoria al polmone sinistro, che era stato lacerato dal proiettile poi conficcatosi nelle costole, è stato staccato. L’ingresso dell’ospedale pediatrico è da una settimana meta di un pellegrinaggio continuo, tra veglie, preghiere e fiaccolate. E davanti ai cancelli non si fa che parlare di questa incredibile, felice coincidenza. Non si arresta il via vai di gente davanti ai cancelli dell’ospedale Santobono. Sono qui, come nella veglia di ieri sera, per dare forza a Noemi.

Noemi adesso sta meglio. E ha ripreso a ad accennare a un sorriso nel giorno stesso in cui le forze dell’ordine e la procura hanno comunicato in una conferenza stampa tenutasi in procura l’arresto delle due persone sospettate di avere aperto il fuoco: i fratelli Armando e Antonio Del Re, originari di Secondigliano e figli del più noto Vincenzo Del Re ‘a pacchiana (che sta scontando una condanna per droga per fatti risalenti a quando il suo gruppo era al soldo del clan Di Lauro), devono rispondere di duplice tentato omicidio con l’aggravante della matrice camorristica. (Leggi anche il servizio: Così sono stati incastrati i fratelli Del Re)

Leggi anche:
– Camorra, chiesto l’ergastolo per i Rinaldi-Minichini: accusati dell’omicidio del boss Cepparulo e dell’innocente Colonna
– Salone del libro, apertura con polemiche: ‘epurata’ Altaforte, scontro Lega-grillini. Sullo sfondo defezioni e guerre legali
– Napoli, agguato in piazza Nazionale, presi i fratelli Del Re: vittima seguita da tempo
– Scontro auto-scooter nella notte: muore un 17enne, autista accusato di omicidio stradale nel Napoletano
– La Supplica di Pompei dedicata a Noemi: condizioni ancora gravi, pioggia di messaggi sul cancello del Santobono
– Minacce all’impresa del cantiere Unesco, il Comune: «la ditta tornerà al lavoro lunedì»
– Tutti vogliono diventare nagivator: 79mila domande per 3mila posizioni, Campania prima per numero di istanze
Napoli, il racket sfratta il cantiere dal sito Unesco: la ditta minacciata dalla camorra L’ira dei residenti: «Lo Stato si è arreso»

venerdì, 10 maggio 2019 - 15:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA