Mafia, Antonello Nicosia davanti al gip: oggi l’udienza di convalida dei fermi, la Dda ha chiesto il carcere

Antonello Nicosia, ex collaboratore della deputata Occhionero di Italia Viva

Se lo vorrà, l’ex assistente parlamentare ed esponente dei Radicali italiani potrà chiarire già nella giornata di oggi il contenuto di quelle conversazioni, frequentissime, intercorse tra lui e il boss di Sciacca Accursio Dimino. Se lo vorrà, Antonello Nicosia – che da pochi giorni è detenuto in carcere con l’accusa di associazione di stampo mafioso – potrà dire la sua su quell’accusa di essersi trasformato in una sorta di ‘postino’ dei mafiosi detenuti sfruttando la sua possibilità di entrare nelle carceri per compiere visite ispettive al seguito dalla deputata Giuseppina Occhionero (ex LeU e oggi Italia Viva) con la quale ha collaborato per quattro mesi.

Questa mattina, dinanzi al giudice per le indagini preliminari Alberto Davico del Tribunale di Napoli, si è aperta l’udienza di convalida del fermo relativa al decreto di fermo che ha colpito Nicosia, Dimino ed altre tre persone  (Massimiliano Mandracchia e Luigi e Paolo Ciaccio), queste ultime accuse di favoreggiamento, nell’ambito dell’inchiesta denominata ‘Passepartout’.

Al gip spetterà passare in rassegna il materiale accusatorio e valutare le richieste di convalida dei fermi ed emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere avanzata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo.

Leggi anche:
– 
Ponte Morandi, processo sulle anomalie nella ditta che si aggiudicò un subappalto: chiesti 4 anni per lo zio dei boss D’Amico
– Bimbo ucciso di botte a Cardito, il medico legale ai giudici: «Violenza brutale, il piccolo cercò di difendersi»
– Contrabbando di sigarette, 21 indagati: in 10 percepivano il reddito di cittadinanza. Sei arresti in flagranza di reato
– ArcelorMittal, i lavoratori in presidio permanente: «I politici trovino una soluzione, no a guerra tra poveri»
– Lavori a casa della figlia con i soldi della società municipalizzata, in manette direttore generale nel Varesotto
– Processo all’ex sindaco di Casapesenna, il legale chiede l’assoluzione: «Zagaria ha sempre fatto iniziative anticamorra»
– Lido distrutto dalle fiamme nel Casertano, indagini sull’origine dell’incendio
– Perde il controllo della moto e si schianta, un morto e un ferito grave a Cagliari
– Convince un’anziana a salire in macchina, la rapina e la scaraventa in terra prima di fuggire: 36enne arrestato a Catania
– Napoli, crolla un albero al Corso Umberto I. L’accusa di De Giovanni (I Municipalità): «Non c’è manutenzione del verde»
– Camorra, blitz contro i Sibillo: 22 arresti Estorsioni imposte alle pizzerie, il boss Pasquale dettava ordini dal carcere

mercoledì, 6 novembre 2019 - 13:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA