Arsenale sequestrato nel Napoletano, tra le armi anche cinque razzi usati nella guerra in ex Jugoslavia


C’erano anche cinque razzi di fabbricazione jugoslava, di quelli che hanno seminato morte durante la guerra dei Balcani, nell’arsenale sequestrato dai carabinieri a Sant’Antimo. Le armi erano contenuto in un vano contatori all’interno di una palazzina in via Solimena.

Oltre ai cinque razzi, sono stati rinvenuti 2 rivoltelle – una 357 magnum e una Colt 38 – una semiautomatica calibro 8mm, 2 fucili da caccia Beretta calibro 12 e 106 proiettili di vario calibro.In un borsone anche una giubba, un berretto e una paletta della polizia municipale del Comune di Dragoni (Caserta) e 820 grammi di marijuana suddivisi in 9 confezioni.

Il sequestro è stato operato a carico di ignoti. Le armi saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificare se siano state utilizzate in fatti di sangue.

Leggi anche:
– 
Bomba imbottita di tritolo sotto l’automobile di un carabiniere, vettura distrutta: giallo nel Barese 
– Prescrizione, Italia Viva minaccia la sfiducia al ministro Bonafede. Forza Italia pronta a salire al Colle 
– Guardiano di un agrumeto spara e uccide due uomini, un terzo è ferito gravemente: pensava fossero ladri 
– Giugliano, 19 consiglieri comunali mandano a casa il sindaco Antonio Poziello a tre mesi dal voto 
– Monopolio del gioco d’azzardo, 38 arresti dei carabinieri a Roma: c’è anche un ex boss della banda della Magliana 
– Procura di Salerno, si insedia il magistrato Borrelli: «Risolvere l’omicidio del sindaco Vassallo è un dovere morale»
– Esuberi Unicredit: il ministro del Lavoro convoca un tavolo, sindacati contro l’istituto di credito
– Processo Rampa Nunziante, la guerra tra i testi. Leveque: «Minacciato da Minichini, mi disse: ‘Se vai in udienza ti rovino’»
– Caos al Tribunale di Sorveglianza di Napoli, il deputato Migliore (Iv) promette: «Interverremo sul silenzio del ministero»
– Emendamento col Pd per salvare Napoli dal dissesto, rivolta dei parlamentari Cinque Stelle e attivisti disorientati
– Furto di cellulari in un negozio di Quarto, presi i due ladri: colpirono indisturbati durante la pausa pranzo
– Prescrizione, baruffa sull’ipotesi del lodo Conte bis nel Milleproroghe. Rosato (Iv): «Uno scandalo»

martedì, 11 febbraio 2020 - 11:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA