Air Italy, il Mit convoca un tavolo. La Regione Sardegna riflette sull’ingresso nella compagnia

Paola De Micheli
Il ministro Paola De Micheli

Dopo la comunicazione dei commissari liquidatori della compagnia di voler procedere al licenziamento collettivo dei 1.450 dipendenti Air Italy arriva la risposta del ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il Mit ha infatti convocato per govedì prossimo i sindacati, la regione Sardegna e la regione Lombardia per discutere sulla vicenda. «Il ministro – si apprende in una nota – ha inoltre scritto ai liquidatori per formalizzare l’urgente richiesta di cambio della procedura, dal momento che la liquidazione danneggia pesantemente i lavoratori e la possibilità di garantire il trasporto aereo sulla Sardegna. Sempre per la prossima settimana sono in fase di preparazione incontri con la proprietà».

In Sardegna (la compagnia ha sede ad Olbia) intanto è scontro sulla vicenda, dove si fa largo la possibilità  dell’ingresso della Regione nella compagine societaria. E’ solo un’ipotesi ma dai contorni sempre più concreti, viste le ultime dichiarazioni del governatore Christian Solinas che presto incontrerà Akbar Al Baker, Ceo di Qatar Airwais, la compagnia che detiene il 51% della società appena messa in liquidazione. Il presidente della Giunta ha chiarito che l’unica via d’uscita è assicurare alla Sardegna una compagnia aerea. Il salvataggio passerebbe per la Sfirs, la società per azioni intermediario finanziario della Regione. Nelle fila dell’opposizione, se il Partito democratico si è già espresso a favore di una soluzione del genere, magari sul modello della Corsica, i Progressisti non ne vogliono sapere. «Sono fermamente contrario a ogni forma di ingresso della Regione Sardegna nel pacchetto azionario di compagnie aeree» spiega il capogruppo Francesco Agus in un post su Facebook.

Leggi anche:
– 
Afragola, il sindaco si dimette (di nuovo): strappo con Forza Italia, che lo sostenne alle elezioni comunali del 2018
– Guidava ubriaco e uccise un carabiniere: condannato a 9 anni. La figlia della vittima: «Le pene severe siano da monito»
– Giustizia, Davigo e gli avvocati di Napoli a confronto: convegno sulla ragionevole durata del processo
– Concorsone, il Consiglio di Stato accoglie il ricorso della Regione Campania. De Luca: «Avanti con le 10mila assunzioni»

venerdì, 14 febbraio 2020 - 19:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA