Giustizia, a Napoli si rafforza il processo telematico: ok al deposito di due tipologie di atti | Come funziona

Toghe

Da oggi gli atti di nomina del difensore di fiducia e la richiesta di interrogatorio dell’indagato a seguito di notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari (art. 415bis, comma 3 c.p.p., ai sensi del D.L. n. 28 del 30 aprile 2020), potranno essere inoltrati all’ufficio di procura mediante sistema telematico.

La novità arriva da Napoli ed è il risultato di una interlocuzione tra la Camera penale (guidata dall’avvocato Ermanno Carnevale), il Consiglio dell’Ordine degli avvocati (guidato dall’avvocato Antonio Tafuri) e l’ufficio di procura diretto dal procuratore Giovanni Melillo che è sempre molto attento alle istanze dell’avvocatura. Non è un caso, infatti, che la procura abbia avviato un monitoraggio del funzionamento del processo telematico, raccogliendo anche segnalazioni su eventuali disfunzioni allo scopo di intervenire nella maniera più opportuna.

A seguito della novità del potenziamento del processo telematico la Camera penale ha costituito uno specifico gruppo di lavoro – coordinato dal componente di Giunta Sabina Coppola – per procedere con la relativa sperimentazione, attraverso la formazione di un vero e proprio elenco di Avvocati disponibili a prendervi parte. Tutti gli avvocati (muniti di firma digitale e smart card) che volessero partecipare alla sperimentazione potranno scrivere all’indirizzo di posta elettronica sabina.coppola@gmail.com, fornendo nome, cognome codice fiscale e indirizzo pec.

Leggi anche:
– 
Incidente sul lavoro, saldatore resta schiacciato in un cantiere nel Salento
– 
Truffa con sistema ‘catena di Sant’Antonio’, frodati centinaia di risparmiatori in tutta Italia
– 
Coronavirus, crolla il fatturato dei commercialisti ad aprile. Il 54% dichiara una riduzione di un terzo
– 
Lodi, pizzaiolo accoltella la madre 80enne poi si taglia la gola. Una vicina assiste all’aggressione ma non riesce a fermarlo
– 
Finge di avere un mitra ma è solo un cric, rapinatore arrestato dopo raid davanti al centro commerciale di Marcianise
– 
Ok al Dl Imprese: stop alla responsabilità del datore di lavoro per infortuni da Covid. Prestiti con l’autocertificazione
– 
Palermo, 8 arresti per mafia: boss pronti a presentare una lista civica alle elezioni. Affari d’oro con il cemento
– 
In Campania riaprono i circoli ma è vietato giocare a carte, via libera alle terme. Il bollettino: +6 casi e zero morti

mercoledì, 27 Maggio 2020 - 14:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA