Palamara imputato, via libera del gip ai dialoghi con Lotti e Ferri: «La presenza dei parlamentari non era prevedibile»

Luca Palamara
Il pm romano Luca Palamara al centro dello scandalo sulle toghe

La presenza dei parlamentari Luca Lotti e Cosimo Mattia Ferri alla famosa cena nell’hotel Champagne cui parteciparono il pm romano Luca Palamara ed alcuni esponenti del Csm (poi costretti alle dimissioni) non era prevedibile. Per questa ragione tutti i dialoghi captati quella sera (9 maggio 2019) sono utilizzabili.

E’ quanto ha deciso il giudice per le indagini preliminari Lidia Brutti del Tribunale di Perugia che doveva stabilire quali e quante intercettazioni (telefoniche e telematiche), captate attraverso il trojan inoculato nel telefonino di Palamara, avrebbero dovuto ottenere il via libera nell’ambito del procedimento che vede Palamara imputato di corruzione perché accusato di avere ricevuto regali o altre utilità dall’imprenditore Centofanti.

A trascrivere le intercettazioni saranno due esperti, che avranno 90 giorni di tempo: le operazioni cominceranno il 2 ottobre. «Il gip ha disposto la trascrizione delle intercettazioni che abbiamo chiesto noi come difesa del dottor Palamara sia quelle che ha richiesto la procura», ha detto Benedetto Buratti, uno dei difensori del magistrato.

«Ci siamo riservati – ha aggiunto – di nominare un nostro consulente tecnico. Tra le intercettazioni ci sono anche quelle con i parlamentari. E’ stata intanto stralciata la posizione del dottor Spina che nel frattempo ha definito il procedimento in altro modo. La prossima udienza stralcio con il deposito della perizia è stata fissata per il 13 gennaio prossimo».

Leggi anche:
– Ucciso prima di Inter-Napoli, chiesto il processo per ultrà partenopeo: accusato di omicidio volontario
– Reggio Calabria, emoticons per ordinare la droga: arrestato. Coinvolto un minore
– Avezzano, accoltella la moglie e si toglie la vita: 63enne in gravi condizioni
– Napoli, traffico internazionale di droga e spaccio: eseguite 14 misure cautelari
– Schiaffi, pugni e minacce alla moglie: 54enne arrestato a Ercolano
– Sant’Antimo, 21enne ferito con 6 colpi di pistola: ricoverato in pericolo di vita

lunedì, 21 Settembre 2020 - 15:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA