In provincia di Napoli la prima strada intitolata a Diego Armando Maradona

Foto Kontrolab

San Giorgio a Cremano, cittadina di 45mila abitanti in provincia di Napoli, sarà la prima comunità della Campania ad intitolare una strada a Diego Armando Maradona. Lo ha annunciato su facebook il sindaco Giorgio Zinno venendo incontro, scrive lui stesso, alle richieste dei cittadini e dell’associazione Citizens. Via Diego Armando Maradona sarà l’attuale via Sandriana, strada che corre tra i campi sportivi Baracca e Paudice; nel tratto abitato, resterà la vecchia toponomastica.

«Un omaggio al Pibe de Oro – scrive Zinno – che ha unito diverse generazioni, non solo nel nome della passione calcistica ma del riscatto sociale.  Dopo Napoli, che gli ha intitolato lo stadio, d’accordo con l’assessore Pietro De Martino, abbiamo approvato la delibera e predisposto gli atti affinchè la Prefettura, dopo l’esame della commissione preposta, possa dare il nulla osta per dedicare al più grande calciatore di tutti i tempi proprio quella porzione di territorio che comprende i due campi di calcio della città».

«Ci è sembrato infatti naturale – continua il primo cittadino – proporre il nome “Diego Armando Maradona” alla strada tra l’incrocio con via Recanati e l’ingresso del campo Paudice, campo dove tra l’altro ha giocato nel 2013 anche il figlio Diego Junior Sinagra nella squadra della nostra città. Via Diego Armando Maradona sarà la strada che tantissimi giovani percorreranno con in tasca il sogno di diventare grandi campioni.  Dopo il via libera dalla Prefettura, emergenza Covid permettendo, speriamo di poter scoprire la targa con un evento che possa coinvolgere tutta la città per celebrare ancora una volta il baluardo di una rivoluzione che ha rappresentato tanto per Napoli».

Leggi anche:
– Anestetici letali a pazienti affetti da Coronavirus: arrestato primario del pronto soccorso di un ospedale del Bresciano
– Lombardia in zona rossa per errore, Fontana si arrampica sugli specchi ma una mail conferma: sbagliati i dati inviati
– Ercolano dice addio a don Raffaele, il parroco che guidò la riscossa civile contro i camorristi. Scrisse: «Mandate l’Esercito»
– Luca, morto come George Floyd in Uruguay. La famiglia cerca la verità: «Siamo stati abbandonati da Di Maio»
– Gratteri e la questione morale che agita la magistratura. L’intervista al Corsera (poi corretta) arriva davanti al Csm
– Crisi, Bonafede blindato dal M5s: Di Maio opziona le urne per salvare ministro e partito. Conte: dimissioni e nuovo Governo

lunedì, 25 Gennaio 2021 - 18:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA