Napoli, spacciava droga a domicilio: 27enne di San Giovanni a Teduccio ottiene gli arresti domiciliari dal gip


E’ rimasto in carcere 48 ore. Ciro Ravolo, il 27enne di San Giovanni a Teduccio (quartiere dell’area est di Napoli) arrestato giovedì sera con l’accusa di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ha ottenuto gli arresti domiciliari in sede di convalida del fermo. Ha deciso così il giudice per le indagini preliminari Finamore del Tribunale di Napoli. La procura aveva invece chiesto la misura del carcere anche alla luce dei precedenti penali dell’uomo: Ravolo ha alle spalle una condanna ad un anno, con pena sospesa, per resistenza a pubblico ufficiale. Al giudice Ravolo, che ha ammesso il fatto, ha sostenuto di aver venduto droga perché versa in difficoltà economiche. L’uomo è stato difeso dall’avvocato Michele Basile.

Il 27enne era stato fermato dalla polizia dopo un servizio di appostamento. Gli agenti hanno così accertato che Ravolo consegnava droga a domicilio: uno degli episodi di consegna della ‘roba’, avvenuta in via delle Repubbliche Marinare, è stato monitorato dagli uomini in divisa. In casa del 27enne sono state rinvenute 60 bustine di marijuana, la somma di 1.155 euro e due bilancini di precisione. Ravolo, invece, aveva addosso 6 bustine di cocaina, mentre 5 bustine di marijuana erano nascoste sotto il clacson dello sterzo della macchina a bordo della quale effettuava le consegne di droga a domicilio.

Leggi anche:
Cardito, i pusher nascondono la droga sotto le panchine dei giardini pubblici frequentati dai bambini
– Inchiesta su Di Lauro e Vanella Grassi: stangato (ex) finanziere al soldo del boss Condannati in 14, assolto Mennetta
– Accoltellati per futili motivi a Riccione: due 23enni ricoverati in gravi condizioni
– Manuel, gli aggressori restano in cella Confermata l’accusa di tentato omicidio Lui fa un audio: «Tornerò più forte»
– Uccise la moglie con un colpo di pistola, l’Appello non fa sconti a D’Aponte: confermata la condanna all’ergastolo. L’omicidio avvenne a Sant’Antimo in provincia di Napoli
– A Posillipo il percorso della vergogna: strade interrotte, muri crollati e rifiuti. La protesta dei residenti caduta nel vuoto
– Manuel e la sfida di una nuova normalità. Dice alla mamma: «Fatti forza, ce la farò». Il triste risveglio: «Non sento nulla»

sabato, 9 febbraio 2019 - 16:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA