Camorra, sequestro beni per 400mila euro Requisiti auto e appartamenti al padre di uno dei capi della Vanella Grassi

Polizia

Suo figlio Fabio, raccontano le cronache, divenne uno dei capi della Vanella Grassi. Divenne uno dei capi dei cosiddetti ‘girati’, quelli che nel pieno della seconda guerra di camorra tra i Di Lauro e gli Amato-Pagano voltarono le spalle ai Di Lauro per passare con gli scissionisti.

Questa mattina Antonio Magnetti, 54 anni e detenuto da tempo in carcere, si è visto notificare un decreto di sequestro da 400mila euro disposto dal Tribunale di Napoli. In base al provvedimento, gli agenti della Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Divisione Anticrimine della Questura partenopea hanno sequestrato due appartamenti in via Vanella Grassi (quartiere Secondigliano); un appartamento in via Dante, vicoletto Grassi (quartiere Secondigliano); e una Fiat 500 X.

Magnetti deve scontare, tra l’altro, un cumulo pene per 16 anni, 7 mesi e 6 giorni per associazione a delinquere di stampo mafiosa, spaccio di sostanze stupefacenti, danneggiamento, evasione dalla misura degli arresti domiciliari, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Leggi anche:
– Faida a Ercolano, condanne per i Birra Sentenza su quattro omicidi: disposti 2 ergastoli, 5 anni ai pentiti e 2 assoluzioni
Acireale saluta Margherita e Lorenzo Palloncini, cori e striscioni per omaggiarli
Acerra, giù le ultime baracche abusive: demolito l’ultimo campo rom
– Reati ambientali, 20 aziende sequestrate Tolleranza zero a Napoli e provincia
Tribunale di Napoli Nord al collasso, il ministro Bonafede risponde alle interrogazioni sulle misure da adottare
Tiziano Renzi, esposto contro i tre Tg Rai. Anzaldi (Pd) contesta l’immagine rubata dell’interrogatorio di garanzia
– Il flop in Sardegna e il caso Giulia Sarti. Le grane a Cinque Stelle e i nuovi guai per Di Maio, aveva garantito per la Sarti

giovedì, 28 febbraio 2019 - 14:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA