Emergenza carceri, denuncia di Antigone: «A Pozzuoli 12 detenute in una cella»

Cella Carcere

Quasi tutte le celle del carcere di Pozzuoli, uno dei pochi istituti esclusivamente femminili d’Italia, ospitano 9, 10 o addirittura 12 detenute. A rilevarlo è Antigone, l’associazione per i diritti e le garanzie nel sistema penale, nel corso di una recente visita nel penitenziario in provincia di Napoli. Attualmente nel carcere sono detenute 181 persone, a fronte di una capienza di 109 posti, con un tasso di affollamento del 166%.

Le celle «fortunatamente sono aperte per più di otto ore al giorno – afferma Antigone – ma non tutte». In particolare, non è aperto per 8 ore giornaliere lo ‘stanzone’ in cui da circa un anno vivono in media «10 detenute ‘protette’, categoria che comprende chi ha commesso reati considerati riprovevoli dal resto della popolazione ristretta». In passato, secondo quanto denuncia l’associazione, queste detenute venivano trasferite entro un paio di giorni in un altro istituto della Campania, quello di Benevento, dove c’è una sezione apposita. Ma da un anno questo non avviene più e le persone ristrette restano, quindi, in una cella chiusa di un reparto aperto, partecipando alle attività comuni in orari disagiati, solo dalle 18 alle 21.

A fronte di queste criticità «che è necessario risolvere», l’associazione afferma anche di aver trovato a Pozzuoli «un buon clima detentivo». Antigone aveva visitato la struttura già due anni fa ma il tasso di sovraffollamento, allora, era più esiguo, pari al 144% con 157 detenute a fronte di 109 posti. E’ bene ricordare che, nel corso del sopralluogo che Antigone fece a Pozzuoli nel 2017, l’associazione trovò delle «condizioni strutturali accettabili», in particolare perché le 157 donne ristrette svolgevano varie attività lavorative, dalla lavorazione del caffé alla fabbricazione di borse fino alla manutenzione di un’area verde che è stata adibita a orto, ma anche culturali e ludiche come corsi di danza, musica, teatro e fotografia.

Leggi anche:
– Ingiurie, strattonamenti e percosse: sospese maestre nel Napoletano
– Boato nella notte: esplode bomba carta in una palazzina popolare nel Napoletano
– Eav, vandali alla Circumflegrea: nella notte devastata la stazione di Licola
Droga, nascosti nel bagagliaio 5 chili di hashish: arrestato nel Napoletano
– Nel Casertano sequestrate 127 slot machine a imprenditori vicini ai Belforte

venerdì, 19 aprile 2019 - 14:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA