Carabiniere ucciso, identificato e indagato il militare che scattò la foto al californiano bendato in un ufficio dell’Arma


E’ stato identificato e iscritto nel registro degli indagati il carabiniere che scattò la foto a uno dei due ragazzi californiani arrestati per l’omicidio del vice brigadiere Mario Cerciello Rega mentre si trova in una stanza della caserma dei carabinieri di via in Selci seduto con il capo chino, una benda sugli occhi e le mani immobilizzate dietro la schiena.

Al militare che ha scattato la foto a Christian Gabriel Natale Hjort poco prima di essere interrogato nella caserma dei carabinieri, i magistrati di piazzale Clodio contestano il reato di rivelazione del segreto d’ufficio. Già nelle scorse settimane si è  proceduto all’iscrizione di un sottufficiale accusato di avere bendato il ragazzo. L’attività degli inquirenti ora va avanti per accertare chi è stato a diffondere quell’immagine. Sono state ascoltate, in varie parti di Italia, decine di carabinieri con l’obiettivo di individuare chi ha ‘postato’ in una chat la foto di Natale con la benda sugli occhi. Uno scatto da cui, fin da subito, l’Arma dei carabinieri ha preso «fermamente le distanze».

Su quella foto è stat aperta un’indagine anche da parte della procura militare di Roma: il fascicolo,  al momento contro ignoti, in cui si ipotizza il reato previsto dall’art.127 del codice penale militare di pace con riferimento esclusivamente alla diffusione. (Leggi anche la nostra analisi sulla foto incriminata: «La benda sugli occhi dello Stato di diritto, troppa confusione tra emozioni e regole»)

Leggi anche:
– 
Giustizia, 9 candidati per il posto di procuratore generale della Cassazione: c’è anche il pg di Napoli Luigi Riello
– E’ dipendente statale ma faceva anche l’animatore turistico senza averlo dichiarato: dovrà restituire i guadagni
– Crisi di Governo, è tutti contro Salvini. Lunedì conferenza dei capigruppo e Conte prepara l’operazione verità
– Clan Reale, 6 arresti: c’è anche Salvatore Nurcaro, era il bersaglio dell’agguato in cui rimase ferita la piccola Noemi
– Napoli, accusati di aver aggredito e tentato di rapinare una turista in villa comunale: arrestati 4 minorenni
– ‘Ndrangheta, colpo alle cosche Muià, Figlionemi e Commisso: 28 ordinanze. Decisioni venivano prese in Canada

 

sabato, 10 agosto 2019 - 15:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA