Figlio di Salvini sulla moto d’acqua della polizia: la procura chiede l’archiviazione

Matteo Salvini
L'ex ministro degli Interni Matteo Salvini (foto Kontrolab)

La Procura della Repubblica di Ravenna ha chiesto di archiviare, «per tenuità del fatto», il fascicolo relativo ai tre agenti della scorta di Matteo Salvini che hanno cercato di impedire al giornalista di Repubblica Valerio Lo Muzio di riprendere il figlio dell’allora ministro dell’Interno su una moto d’acqua della polizia a Milano Marittima, nel Ravennate.

Il fatto risale al 30 luglio quando Salvini era in vacanza in riviera insieme al figlio. Il video pubblicato da Repubblica, che provocò notevole dibattito, faceva vedere agenti della polizia in moto d’acqua con il figlio di Salvini. Ma la questione sulla quale la procura concentrò soprattutto la sua attenzione fu il tentativo di impedire al giornalista di fare le riprese. E’ per questa vicenda che si chiede l’archiviazione. Lo Muzio e i suoi legali stanno valutando se opporsi o meno alle richiesta della procura ravennate.

Leggi anche:
– Denunciano una finta rapina al portavalori per rubare 400mila euro: 3 arresti
– Cuneo, morto il bimbo schiacciato da un vaso di marmo: aveva appena 3 anni
– Torino, scopre che il compagno aveva ucciso la ex e decide di lasciarlo: lui la aggredisce e prova a sgozzarla
– Incidenti stradali, scontro tra tir nel Bresciano: camionista senza scampo Quattro feriti in provincia di Macerata
– Arrestato Felice Maniero, l’ex boss della Mala del Brenta è accusato di maltrattamenti alla compagna
– Salerno, inchiesta sulle sentenze pilotate: la Rai scarica Casimiro Lieto, pronta la risoluzione del contratto
– Lei lo lascia e lui diffonde foto private della ex, 48enne ai domiciliari nel Casertano
– Penalisti all’attacco di Pd-Cinque Stelle, Rosso (segretario Ucpi): «Nessuna volontà riformatrice, modello processuale in crisi»
– Carceri, bufera sulle Vallette di Torino Accuse ai 6 della Penitenziaria: «Senso di superiorità e spudorato menefreghismo»

sabato, 19 ottobre 2019 - 15:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA