Acerra, voto di scambio alle Comunali: ex consigliere condannato a dieci mesi, l’Appello conferma lo scandalo del 2012

Tribunale

Posti di lavoro promessi in cambio di voti alle elezioni comunali di Acerra nel 2012: l’ex consigliere di maggioranza Nicola Ricchiuti si è visto confermare in sede di appello la condanna a 10 mesi che fu disposta nell’aprile del 2017 all’esito del dibattimento sovrinteso dal giudice monocratico Chiara Bardi del Tribunale di Napoli. I giudici della Corte d’Appello di Napoli hanno confermato anche la condanna a 4 mesi che fu inflitta a Domenico D’Anna, ex dipendente della ditta di vigilanza di Ricchiuti. Secondo la contestazione, Ricchiuti assunse nella sua ditta di vigilanza privata sia D’Anna che Mario Calzolaio (che patteggiò la pena) allo scopo di ottenere voti. Una volta eletto, però, i due vennero licenziati.

Nel processo si erano costituiti parte civile gli ambientalisti Alessandro Cannavacciuolo, Vincenzo Petrella e Giuseppe Valerio Montesarchio ed il candidato di centrodestra alle elezioni del 2012 Antonio Crimaldi, colonnello della Guardia di Finanza, sconfitto poi dal candidato Raffaele Lettieri (quest’ultimo sostenuto da una coalizione composta da Udc, Verdi e liste civiche) che è stato riconfermato nella tornata successiva del 2017. Proprio Crimaldi, all’indomani dell’esito del voto, presentò in procura un dossier nel quale si lamentava la compravendita di voti. Ricchiuti fu eletto nel 2012 nella lista civica ‘Acerra è tua’, che sosteneva Lettieri.

Del processo a Ricchiuti si era parlato un mese fa per via dell’incredibile scomparsa del fascicolo, sparizione che rischiava di fare saltare la trattazione del procedimento. Il fascicolo è stato però ricomposto e il processo è giunto a conclusione.

Leggi anche:
– 
Disabile picchiata per mesi dal figlio, arrestato un 39enne a Taranto
– Roma, il ras delle cooperative Buzzi chiede la scarcerazione dopo la sentenza in Cassazione su ‘Mafia Capitale’
– Spaccio di stupefacenti, sgominate due organizzazioni nel Salernitano: 19 arresti
– Viareggio, due carabinieri e un agente della municipale investiti da un’auto: ricoverati in gravi condizioni
– Lavoro, rapporto Svimez a tinte fosche: «La popolazione non cresce, Sud indietro» Conte: «La crisi è emergenza nazionale»
– Pedone travolto e ucciso da un’auto pirata, il conducente ricercato per omicidio stradale
– Mafia, Bernardini su Nicosia: «Sembrava un esaltato, un cretino». E la deputata Occhionero prende le distanze
– Scoperti oltre 70 falsi invalidi, 4 arresti: ai domiciliari un ex sindaco del Casertano
– Mafia, decreto di fermo per Nicosia dei Radicali: «Definiva Messina Denaro primo ministro e disprezzava Falcone»

lunedì, 4 novembre 2019 - 16:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA