Farmaci antitumorali rubati e rivenduti nell’Est Europa: 7 condanne

Tribunale Napoli Nord

Il Tribunale di Napoli Nord ha emesso sette condanne al termine del processo sul traffico di farmaci rubati – tra i quali costosissimi medicinali oncologici, antireumatici e neurodegenerativi – destinati anche all’utilizzo ospedaliero. Sono stati condannati a 10 anni di reclusione Vincenzo e Pasquale Alfano, padre e figlio del rione Amicizia di Napoli, di 65 e 36 anni, ritenuti i capi dell’organizzazione, a 8 anni Marco Reina, 44enne di San Pietro a Patierno a Napoli, Salvatore De Simone, 37enne del rione Amicizia, Giorgio Lucio Grasselli, 79enne di Genova, mentre Concetta Luongo, (59enne moglie di Vincenzo Alfano) ritenuta la cassiera del gruppo, è stato condannata a un anno con pena sospesa; quattro anni infine all’altro imputato Ernesto Pensilino, 74enne di Caserta. L’indagine ha coinvolto anche il farmacista Eduardo Lambiase, sorpreso nel giugno 2014 dai finanzieri all’interno di un capannone di Arzano (Napoli) mentre catalogava prodotti farmaceutici da rivendere, sia ospedalieri che comuni.

Nel deposito c’erano migliaia di farmaci conservati in condizioni non regolari, che secondo l’accusa, sarebbero finiti in farmacie compiacenti. Lambiase nel processo ha già patteggiato la pena. Ad Arzano i finanzieri napoletani arrivarono dopo che le Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino avevano scoperto che alcuni spedizionieri stavano inviando nei paesi dell’Est Europa, in particolare Bulgaria, Romania e Albania, farmaci risultati rubati o rapinati ad autotrasportatori nel Nord Italia e diretti agli ospedali campani. Le indagini hanno poi consentito di individuare altri depositi a Casoria e Napoli e di sequestrare 53mila farmaci per un valore di 1,8 milioni di euro. Nel marzo del 2015 la Finanza arrestò su ordine del Gip di Napoli Nord 8 persone: gli Alfano e tutti i componenti della loro organizzazione criminale.

Alti i guadagni realizzati con il traffico illecito: gli indagati avrebbe acquistato auto di lusso, trascorrendo le vacanze in luoghi esclusivi, ed avevano una barca con cui incontrare i clienti ormeggiata nel tratto di mare antistante Castellammare di Stabia. Alti però anche i danni arrecati al Servizio Sanitario Nazionale ed a molti ospedali campani, in particolare quelli napoletani come il Cardarelli e il Monaldi, dove erano diretti la maggior parte dei costosi prodotti rubati di un costo anche da 3mila euro a confezione come il Lucentis, usato per curare la malattia degenerativa della retina.

Leggi anche:
Caos Tangenziale, lavori a ritmo continuo per completare in tempo gli interventi Lunedì potrebbe riaprire la terza corsia
– Rapinatori sbadati incastrati dal Dna: dimenticano i cappelli nell’auto rubata e poi abbandonata durante la fuga
– Aversa, il sindaco non chiude le scuole con l’allerta meteo: insulti e minacce sulla sua pagina Facebook
– Blitz contro il clan Sibillo: tra gli arrestati anche la compagna del ras, nuove accuse per i due ultimi reggenti | I nomi
– Sibillo, il ras dettava ordini dal carcere: la compagna svela lettere e ambasciate, lite coi nuovi capi per la gestione della cassa
– Ponte Morandi, processo sulle anomalie nella ditta che si aggiudicò un subappalto: chiesti 4 anni per lo zio dei boss D’Amico
– Bimbo ucciso di botte a Cardito, il medico legale ai giudici: «Violenza brutale, il piccolo cercò di difendersi»
– Contrabbando di sigarette, 21 indagati: in 10 percepivano il reddito di cittadinanza. Sei arresti in flagranza di reato
– ArcelorMittal, i lavoratori in presidio permanente: «I politici trovino una soluzione, no a guerra tra poveri»
– Lavori a casa della figlia con i soldi della società municipalizzata, in manette direttore generale nel Varesotto
– Processo all’ex sindaco di Casapesenna, il legale chiede l’assoluzione: «Zagaria ha sempre fatto iniziative anticamorra»

mercoledì, 6 novembre 2019 - 19:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA