Emendamento alla Manovra, cambiano le scadenze fiscali: quella del 730 spostata dal 23 luglio al 30 settembre

il consiglio dei ministri

Una importante novità per i contribuenti ed i commercialisti è contenuta in uno degli emendamenti alla Manovra. Si intende riscrivere il calendario fiscale e spostare la scadenza per la presentazione del modello 730 dal 23 luglio al 30 settembre.

Lo stesso emendamento prevede un ampliamento della platea di chi può usare il 730, ovvero non solo più i lavoratori dipendenti ed i pensionati ma anche i titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente senza limitazioni e ai titolari di redditi di lavoro autonomo con la sola esclusione di quelli derivanti dall’esercizio di arti e professioni e di impresa non occasionali (ad esempio, redditi fondiari o redditi da lavoro autonomo occasionale).

Si introduce poi un ‘termine mobile’ per i conguagli che arriveranno alla primma retribuzione utile e comunque con quella di competenza del mese successivo a quello in cui il sostituto ha ricevuto il risultato contabile.

Con il riordino dei termini dell’assistenza fiscale, in sostanza, le operazioni di conguaglio oggi concentrate nei mesi di luglio e agosto – come spiega la relazione che accompagna l’emendamento – potranno essere distribuite nei mesi da giugno a ottobre. Viene anche spostato dal 7 al 16 marzo il termine di trasmissione delle certificazioni uniche da parte dei sostituti d’imposta e dei dati relativi a oneri e spese sostenuti dai contribuenti.

Il termine di consegna delle certificazioni uniche da parte del sostituto d’imposta ai contribuenti è fissato al 16 marzo, mentre è spostato dal 15 aprile al 30 aprile il termine per la messa a disposizione ai contribuenti della dichiarazione precompilata. Si sposta infine al 15 dicembre il termine per la trasmissione delle scelte dei contribuenti sul 2 per mille dall’Agenzia delle Entrate al Mef. L’erogazione ai partiti avverrà poi entro il 31 dicembre in una unica soluzione.

Leggi anche:
– 
«Maria de Marco incompatibile»: l’accusa delle associazioni dopo la discussa nomina del nuovo vertice di Asìa 
Il voto su Rousseau sconfessa Luigi Di Maio, i Cinque Stelle andranno al voto in Emilia e Calabria con le loro liste 
– Favorirono la latitanza di Antonio Orlando, 6 arresti: la rete garantiva al boss la casa, l’auto, i documenti e persino Sky 
– Caldoro incassa anche l’ok di Salvini per le Regionali ma il centrodestra non è compatto: c’è chi invoca le Primarie 
– Uccise con 48 coltellate la ex che lo aveva denunciato per stalking, Antonio Priolo condannato a 30 anni dalla Cassazione 
– Da Ferrara a Valencia per uccidere il rivale in amore, l’Appello dimezza la pena a Eder Guidarelli: sconterà 16 anni
– Droga sull’asse Napoli-Palermo spedita via posta: 2 arresti, uno prendeva il reddito di cittadinanza | Video
– Violenza sessuale di gruppo sulla moglie, arrestato 40enne in provincia di Lecco
– Caro voli, a Natale tornare in Sicilia è un lusso: l’Udc scende in piazza, manifestazione all’aeroporto di Catania
– Omicidio Loris, il pg chiede in Cassazione la conferma della condanna a 30 anni per la madre Veronica Panarello
– Regionali Calabria, rivolta nei 5Stelle: Parentela si dimette da coordinatore e contesta le scelte dei vertici
– Fabbrica di fuochi esplosa, 5 morti: l’atto d’amore di Bartolomeo, si lancia tra le fiamme per aiutare la madre
– Palermo, ex capo dell’ufficio Gip si toglie la vita: indagato nell’inchiesta su Zamparini
– Roma, mazzette per i lavori nel Palazzo di Giustizia: tartufi e case ristrutturate per corrompere funzionari pubblici, 20 misure
Incontro decisivo con Berlusconi, Mara Carfagna depone l’ascia di guerra e dice sì a Caldoro candidato in Campania 

 

venerdì, 22 novembre 2019 - 10:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA