Mascherine ‘fuorilegge’ sequestrate nel Napoletano: potenzialmente pericolose, erano destinate al mercato nazionale


I carabinieri della stazione di San Vitaliano, insieme a quelli della stazione forestale di Marigliano e del Nas di Napoli, hanno denunciato una 44enne incensurata di Scisciano per frode nell’esercizio di commercio e contraffazione.

Titolare di una ditta tessile, la donna ha sostenuto la fabbricazione di decine di migliaia di mascherine in stoffa, prive delle autorizzazioni medico sanitarie: sui prodotti c’era il marchio di controllo CEE mai conseguito.

Leggi anche / Coronavirus, parte la distribuzione di mascherine ai cittadini della Campania

11mila le mascherine rinvenute e sequestrate, destinate al mercato nazionale e potenzialmente dannose per la salute. Anche le attrezzature per la produzione sono state poste sotto sequestro.

Leggi anche:
– Roma, colpo al patrimonio del clan Spada: confiscati beni per 18 milioni di euro
– Auto impatta contro un tir e si ribalta: militare 33enne muore nel Salernitano
– Napoli, droga consegnata a domicilio con i corrieri: sequestrati 2 chili di hashish e marijuana
– Coronavirus, Bonaccini: «Il Governo intervenga, servono linee guida sulle mascherine. Sanzioni a chi non le utilizza»
– Coronavirus, Conte: «Immuni sarà su base volontaria e rispetterà la privacy». Per Arcuri è «Fondamentale per la fase 2»

giovedì, 23 Aprile 2020 - 09:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA