‘Ndrangheta, maxi-processo ‘Rinascita Scott’: l’aula bunker sarà costruita ex novo su un terreno di 3mila metri quadri

Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri

Un’aula bunker da costruire ex novo e che sia in grado di ospitare gli oltre 400 imputati, avvocati, testimoni, per uno dei più grandi processi nella storia giudiziaria italiana. Quello che nasce dalla maxi inchiesta Rinascita Scott, l’operazione monstre contro la ‘ndrangheta condotta dalla Dda di Catanzaro che vede indagate oltre quattrocento persone.

Ieri la Giunta regionale della Calabria, presieduta dalla governatrice Jole Santelli, ha tenuto una riuonione durante la quale è stata approvata la delibera per la messa a disposizione dell’area, nella zona industriale di Lamezia Terme, da dedicare alla realizzazione dell’aula bunker per lo svolgimento del maxi processo di ‘ndrangheta Rinascita Scott.

«Pertanto – si legge in una nota della Giunta calabrese – é stata autorizzata anche  la bozza di protocollo, che sarà sottoscritto con il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, per la concessione di un’area strategica e di un plesso di 3 mila metri quadrati che dovrà ospitare il maxi processo».

A giugno scorso il Ministero della Giustizia, considerato il numero di persone indagate, in vista dell’udienza preliminare ha bandito un avviso nazionale per il personale di ruolo al fine di acquisire disponibilità al distacco temporaneo così da supportare gli uffici giudiziari catanzaresi.

Leggi anche:
– 
Napoli, vigilante ucciso a bastonate: la Cassazione annulla la sentenza d’Appello. Nuovo processo per i 3 imputati
– 
Produzione di monete false e spaccio di droga, 44 indagati in Italia e all’estero. Indagine partita da Benevento
– 
Elezioni e referendum costituzionale in un’unica data, ok di Palazzo Chigi: si voterà il 20 e il 21 settembre
– 
Autostrade, accordo all’alba: Benetton fuori entro un anno, la società diventerà public company con quotazione in Borsa
– 
Sentenze copia-incolla, consiglieri del Csm chiedono l’apertura di una pratica sul caso della Corte d’Appello di Venezia

 

mercoledì, 15 Luglio 2020 - 09:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA