Scoppia una rissa tra detenuti a Prato e due agenti della Penitenziaria, intervenuti per sedarla, vengono aggrediti

Il carcere di Prato

Scoppia una rissa tra detenuti in carcere e due agenti della Penitenziaria intervenuti per sedarla restano feriti. E’ accaduto nel penitenziario di Prato. A segnalare l’episodio sono fonti sindacali del corpo di polizia penitenziaria.

Secondo quanto ricostruito, al rientro dalla “socialità”, momento in cui i detenuti possono andare a cenare nelle celle di altri detenuti, alcuni avrebbero cominciato a litigare. A quel punto sarebbero intervenuti tre agenti che, nell’intento di fermare la lite, sarebbero stati tirati dentro lo scontro. Altri detenuti sarebbero andati a dare manforte contro gli agenti: un agente è stato scaraventato a terra, un altro è stato colpito da un fornellino che gli è stato tirato contro.

«Non siamo più disposti a contare i casi di aggressione a nostro i colleghi e a rivendicare tutela senza essere ascoltati. Ora basta – ha commentato il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria Aldo Di Giacomo che aggiunge – Vogliamo avviare nuove ed inedite forme di protesta, senza escludere nulla, perché è evidente, salvo al ministro di Grazia e Giustizia e al responsabile del Dap, che il personale di poli zia penitenziaria è nel mirino della criminalità che continua ad essere organizzata anche in cella, come denunciamo da troppo tempo».

Leggi anche:
– 
Dati violati della procura, cancelliera indagata e sospesa per sei mesi a Lanusei
– Elezioni al Csm, dopo la vittoria di Antonio D’Amato tra Area e Mi volano gli stracci
– Maxi sequestro di stupefacenti: 31 mila pasticche di metanfetamina sotto chiave
– Discarica abusiva di oltre 1000 metri quadrati in un sotterraneo nel Napoletano
– In un video l’attacco alla sinagoga di Halle Il padre dell’attentatore: «Era chiuso, in guerra con il mondo e litigava sempre»
– Napoli, spacciavano stupefacenti anche davanti ai figli minorenni: 4 arresti | Video
– Migranti, De Magistris: «Napoli pronta a offrire loro una nuova casa, se lo desiderano possono essere napoletani»
Scritte ingiuriose contro gli agenti uccisi a Trieste: l’indignazione della classe politica. Il killer: «Non ricordo cosa è accaduto»
– Germania, attacco alla sinagoga: assalitori respinti sparano in strada, due morti
– Peculato, chiesta una condanna a 4 anni per l’ex pm Antonio Ingroia

giovedì, 10 ottobre 2019 - 14:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA