Clan Moccia, l’affiliato stanco delle rapine punta agli omicidi per fare carriera: «Vuoi mettere? Così tengo il paese in mano»

Omicidio
Un agguato di camorra (foto Kontrolab).
di Manuela Galletta

Fare i «reati veri», quelli che nell’ambiente criminale ti accreditano e ti consentono di «tenere il paese in mano». Ché sei fai lo spaccio di droga o le rapine, resti sempre un criminale di serie B e rischi pure condanne severissime. Invece i «reati veri», gli omicidi, ti consentono di scalare la gerarchia criminale e se ti va bene «prendi 18/19 anni». Che è una pena severa ma, per chi vive nel mondo sottosopra della camorra, è un rischio che vale la pena di essere corso perché l’essere associato alla commissione di un omicidio ti dà potere.

Leggi anche / Clan Moccia, la black list dei commercianti ai quali imporre il pizzo: 18 arresti, i nomi degli indagati

Le intercettazioni che sono al cuore dell’inchiesta che stamattina ha colpito un’articolazione del clan Moccia, quella guidata da Renato Tortora e attiva a Casoria, raccontano molto non solo di condotte criminose compiute ma soprattuto della mentalità di chi vive nella camorra. Emblematica, in tal senso, è una conversazione che viene intercettata il 4 dicembre del 2018 tra Francesco Carpentieri (finito in cella con l’accusa di estorsione aggravata) e Rosario Garzia (in carcere per camorra ed estorsione).

Garzia vuole fare il salto di qualità, commettere rapine gli sta stretto. «Tu pensi ai 5 euro – dice a Carpentieri, rimproverandolo per la sua scarsa ‘ambizione’ – Francé, io sto pensando a fare i reati veri. Io mi sono scocciato di fare le rapine.. ma per quanto tempo puoi andare avanti?». Quindi Garzia spiega di essere pronto a commettere omicidi, se ciò vuol dire diventare importante: «Che dobbiamo fare per fare soldi, dobbiamo schiattare la testa alla gente? Io schiatto la testa alla gente, ok?! Io le rapine non le voglio fare più. Se devo prendere 12 anni di carcere per una rapina come li ha preso quello… 12 anni.. hai capito quanti sono 12 anni? Qua se fai un omicidio prendi 18/19 anni di carcere. Ma tu permetti che ho un paese in mano e prendo soldi, ma chi li deve fare più questi reati da mongoloide».

Leggi anche:
– 
Nola, quindicenne accoltellato da una baby gang all’esterno del centro commerciale Vulcano Buono: è caccia agli assalitori
– I Roxette perdono la loro voce, a 61 anni Marie Fredriksson sconfitta dal tumore al cervello: era malata dal 2002 
– Deposito di ordigni scoperto in un garage a Pompei, era a rischio esplosione: 30enne arrestato dai carabinieri 
– Svaligiavano garage e cantine poi piazzavano la refurtiva nei mercatini: 2 indagati in provincia di Avellino 
Azienda isolata da trenta mesi per un cavalcavia sotto sequestro sulla A16, i dipendenti scrivono a Benetton 
– Bollette ‘pazze’, rimborsi e bonus danni per le vittime: approvato in Senato emendamento di Fdi alla Manovra 
– Clan Moccia, la black list dei commercianti ai quali imporre il pizzo: 18 arresti
– Ha villa a mare e reddito di cittadinanza, denunciato 58enne: è ritenuto vicino agli ambienti della ‘ndrangheta
– Camorra, scacco ai De Rosa: 16 arresti Ordigni esplosivi e minacce per piegare le vittime del racket | I nomi degli indagati
– Terrorismo, per i pm indottrinava i bambini al martirio: inflitti 5 anni al presidente di un’associazione culturale islamica
– Milano, scontro filobus-camion rifiuti: indagati i conducenti dei mezzi, verifiche sul cellulare dell’autista Atm
– Cafiero de Raho: «Le mafie sparirebbero senza contante. Ma in Italia non si vuole eliminare l’evasione»

martedì, 10 dicembre 2019 - 16:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA