Auto rubate e ‘ripulite’, sgominata organizzazione: 4 arresti e 41 indagati. Nel giro anche alcune concessionarie

Carabinieri
I militari dell'Arma (foto Kontrolab)

Auto rubate e “ripulite” per essere rimesse in circolazione, con un giro d’affari di quasi due milioni di euro: è quanto ipotizzato dall’indagine della Procura di Napoli Nord che ha portato all’arresto, da parte dei carabinieri della Compagnia di Giugliano, di quattro persone residenti tra le province di Caserta e Napoli, tutte finite ai domiciliari.  I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal gip del Tribunale di Napoli Nord, che ha disposto per altre quattro persone la misura del divieto di dimora. Per gli inquirenti gli indagati avrebbero messo in piedi un’organizzazione specializzata nel rubare autovetture e ripulirle mediante documenti di circolazione falsi; i numeri dei telai venivano poi modificati e venivano apposte targhe false. Le auto rubate provenivano anche da Germania e Spagna. Inoltre, sono state individuate anche alcune concessionarie compiacenti che ponevano in vendita i veicoli rubati.

Dalle indagini, svolte con l’ausilio di intercettazioni ambientali e telefoniche nonché di servizi di osservazione, controllo e pedinamento, sono emersi anche episodi estorsivi ai danni delle vittime dei furti che venivano costrette a elargire somme di denaro per poter recuperare la propria vettura. In totale nell’indagine sono indagate 41 persone.

Leggi anche:
– Studentessa precipita dal quarto piano e muore: tragedia all’Università di Fisciano
– Una serra per la coltivazione di marijuana in un vano nascosto di un’abitazione, arrestato un 49enne a Napoli | Video
– Torre del Greco, trovato tra le sterpaglie un cadavere in decomposizione
– Droga dalla Colombia, arrestato un 45enne: era ricercato dall’agosto del 2019
Estorsioni, arrestato un 57enne di Melito ritenuto vicino agli Amato Pagano: trovato un ‘pizzino’ con esempi di finanziamento
– Maltrattamenti sui bambini: arrestate due maestre di una scuola dell’infanzia a Roma
– L’Antitrust avvia un procedimento contro Facebook, possibile una sanzione fino a 5 milioni di euro
– Taglio del cuneo fiscale, c’è il via libera del consiglio dei ministri. Ma solo per 6 mesi
– Tifoso travolto ed ucciso da supporter rivali, arresto confermato per l’autista: 26 ultrà in carcere, uno ai domiciliari
– Nascosti nel retto e nelle parti intime, così venivano introdotti i telefonini nel carcere di Avellino 
– Taglio del numero dei parlamentari, via libera della Cassazione al referendum costituzionale: si voterà in primavera 
– Regionali, ecco la lista degli ‘impresentabili’ dell’Antimafia: sono 3 candidati del centrodestra
– Napoli, nuova protesta dei lavoratori Whirlpool. La Fiom: «L’azienda rispetti gli accordi»

 

venerdì, 24 gennaio 2020 - 13:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA