Napoli, lamenta dolori addominali: visitato e dimesso, torna dopo 3 giorni in ospedale e muore. Aperta un’inchiesta

Ospedale san Paolo

Tre giorni fa era arrivato al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo con forti dolori addominali. Visitato, era stato dimesso. Ieri sera, intorno alle 21, un uomo di 72 anni è però deceduto. Il tragico evento si è verificato sempre nel pronto soccorso del San Paolo, dove l’uomo era ritornato a causa dei dolori addominali. Sulla morte dell’anziano, E.E., è stata aperta un’inchiesta da parte della procura della Repubblica di Napoli. Un atto dovuto, considerato che i familiari dell’uomo hanno sporto denuncia alla polizia. Nell’esposto, i familiari dell’anziano ricostruiscono i tre giorni di sofferenza dell’anziano, i due accessi al pronto soccorso e soprattutto quanto è accaduto nella giornata di sabato.

L’anziano è arrivato al San Paolo intorno alle 14.30 in codice giallo. E’ morto sei ore più tardi. La procura ha disposto il sequestro della cartella clinica e l’autopsia. Proprio in vista dell’autopsia si renderà necessaria l’iscrizione nel registro degli indagati del personale medico che ha seguito il caso del 72enne: un atto dovuto (e non un’affermazione di responsabilità) necessario per consentire ai medici di nominare un proprio consulente per poter partecipare all’autopsia che è un accertamento irripetibile. Solo la relazione del medico legale potrà stabilire se il decesso del 72enne sia stato determinato da una gestione impropria del caso da parte del personale medico.

Leggi anche:
Napoli, deceduta col bimbo morto in grembo: la procura dispone l’autopsia sul feto
Cardito, i pusher nascondono la droga sotto le panchine dei giardini pubblici frequentati dai bambini
– Camorra | Inchiesta su Di Lauro e Vanella Grassi: stangato (ex) finanziere al soldo del boss Condannati in 14, assolto Mennetta
– Accoltellati per futili motivi a Riccione: due 23enni ricoverati in gravi condizioni
– Manuel, gli aggressori restano in cella Confermata l’accusa di tentato omicidio Lui fa un audio: «Tornerò più forte»
– Uccise la moglie con un colpo di pistola, l’Appello non fa sconti a D’Aponte: confermata la condanna all’ergastolo. L’omicidio avvenne a Sant’Antimo in provincia di Napoli
– A Posillipo il percorso della vergogna: strade interrotte, muri crollati e rifiuti. La protesta dei residenti caduta nel vuoto
– Manuel e la sfida di una nuova normalità. Dice alla mamma: «Fatti forza, ce la farò». Il triste risveglio: «Non sento nulla»

domenica, 10 febbraio 2019 - 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA