Ruba costose attrezzature video
a una troupe della Rai: arrestato 39enne

Polizia

E’ stato arrestato a Napoli uno dei presunti responsabili di un furto di attrezzature video messo a segno la scorsa estate ai danni di una troupe Rai, a Rimini. Si tratta di un 39enne napoletano, fermato su ordine del gip. Secondo le indagini della squadra mobile riminese, l’uomo, con un complice ancora ricercato, a luglio avrebbe seguito la troupe in vari spostamenti, dalla Darsena al lungomare Tintori, per poi agire in piazza Malatesta, in pieno centro storico, quando gli operatori erano al ristorante per pranzo. L’auto era stata svaligiata di costose attrezzature video, selezionate tra vari macchinari a bordo, particolare che agli investigatori aveva subito fatto pensare a un’azione programmata.

E’ stato scoperto, grazie all’analisi delle immagini di telecamere di sorveglianza, come l’auto del napoletano avesse seguito la troupe tutto il giorno. Un’impronta digitale isolata dalla polizia scientifica sulla vettura ha poi condotto all’identificazione del napoletano. Dai successivi accertamenti è risultato che in altre occasione era stato controllato a bordo di una Lancia Delta, la stessa auto ripresa dalle telecamere. Infine, dal controllo del traffico telefonici, la polizia ha scoperto che il giorno del furto, il 39enne era a Rimini. Rintracciato a Napoli, ora si trova in carcere.

Leggi anche:
– «Wetaxi» arriva anche a Napoli, ecco l’App che dice in anticipo il costo della corsa
– Napoli, Tony Colombo e Tina Rispoli: il matrimonio carnevalesco tra accuse al sindaco e indagini della procura 
– Durazzano, lite e fucilate in piazza: arrestato il 52enne che ha ucciso due persone, si indaga ancora sul movente
– Fu sospeso per un’inchiesta sui migranti, torna in servizio e accede alla banca dati della procura: finisce ai domiciliari
– Dà appuntamento all’ex moglie e la uccide. Omicidio a Enna, la vittima aveva 40 anni
– Inchiesta sullo stupro nella Circum: quando la rabbia non sente ragioni
e men che meno le ragioni di Diritto

 

lunedì, 1 Aprile 2019 - 18:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA