Napoli, muore per una setticemia: aperta un’inchiesta. Era stato ricoverato per una riabilitazione post frattura

Ospedale
Una corsia d'ospedale

Un 92enne è entrato in clinica per una riabilitazione post frattura e ne è uscito con una grave setticemia che, alla fine, gli è stata fatale: la procura di Napoli ha iscritto sette sanitari nel registro degli indagati ipotizzando, nei loro confronti, il reato di omicidio colposo in concorso.

Le indagini sono scattate dopo la denuncia presentata ai carabinieri dai familiari della vittima, deceduta lo scorso 13 settembre. Il pm Stella Castaldo, titolare del fascicolo, ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche e l’autopsia. Secondo i familiari, il 92enne era in buona salute nonostante l’età ed era del tutto autosufficiente; il 17 luglio è rimasto vittima di una caduta domestica che gli ha causato la frattura del femore. Trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale Cardarelli, il 20 luglio era stato sottoposto, nel reparto di Ortopedia, a un intervento chirurgico. Tre giorni dopo è stato ricoverato per la riabilitazione nella Clinic Center di Fuorigrotta, casa di cura specializzata in percorsi riabilitativi intensivi. Lì le sue condizioni sono peggiorate e il 30 agosto il paziente è stato trasportato d’urgenza, con l’ambulanza del 118, al Pronto Soccorso del Centro Traumatologico Ortopedico di Napoli dov’è giunto in codice rosso e dove i medici gli hanno riscontrato un gravissimo shock settico.

L’anziano è stato ricoverato nella shock room e i sanitari con una terapia d’urto sono riusciti a stabilizzarlo, ma ormai il suo quadro clinico era pregiudicato e il 13 settembre è spirato. I due figli della vittima hanno dichiarato di non essere stati mai stati avvisati dalla clinica del progressivo peggioramento del padre, se non al momento del trasferimento d’urgenza al Cto, né avrebbero ricevuto alcuna spiegazione in merito all’accaduto. Assistiti dallo Studio3A e dall’avvocato Vincenzo Cortellessa hanno presentato, il 15 settembre, una denuncia ai carabinieri di Napoli-Chiaia. Il pm Stella Castaldo ha quindi iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, per il reato di omicidio colposo in concorso, i sette sanitari che hanno avuto in cura la vittima, tra cui la geriatra della Clinic Center. L’incarico per l’autopsia sarà conferito lunedì 5 ottobre negli uffici della procura. 

Leggi anche:
– Minaccia l’ex moglie perché vuole i soldi per alcool e droga, 47enne arrestato
– Frasi razziste al calciatore durante una partita al Menti di Castellammare, Daspo di cinque anni per due tifosi
– Covid, in Campania torna l’obbligo di indossare sempre la mascherina all’aperto. De Luca: «Serve responsabilità»
– Carpi, auto si schianta contro una casa: 20enne deceduto sul colpo
– Camorra, sequestrati beni per 36 milioni di euro a un imprenditore edile
– Trieste, studente positivo al Coronavirus: 18 alunni e 8 professori in isolamento
– Sport, scontro nel Governo su riapertura ai tifosi. Speranza contro Spadafora: «Priorità è la scuola, non gli stadi»

giovedì, 24 Settembre 2020 - 16:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA