Udienza disciplinare per Luca Palamara, Ardita e Davigo restano nel collegio: respinta istanza di ricusazione, via ai lavori

Luca Palamara
Il magistrato Luca Palamara
di Roberta Miele

Inammissibile. La richiesta di ricusazione che Luca Palamara aveva presentato nei confronti dei togati Sebastiano Ardita e Piercamillo Davigo (entrambi di Autonomia e Indipendenza) per estrometterli dal collegio giudicante dalla sezione disciplinare del Csm che deve ‘processarlo’ è stata rigettata.

Sciolta la riserva, adesso il procedimento disciplinare a carico del pm romano entra nel vivo: Luca Palamara è accusato davanti al Csm di aver violato «i doveri di correttezza ed equilibrio, tenendo un comportamento gravemente scorretto nei confronti dei colleghi che avevano presentato domanda per il posto di capo della procura di Roma». La contestazione gli è stata mossa in seguito allo scandalo scoppiato con l’inchiesta di Perugia. In quel filone di indagine Palamara è accusato di corruzione in riferimento a piaceri fatti all’imprenditore Centofanti in cambio di regali e altre utilità; in quel filone di indagine sono però emerse le trame cucite da Palamara per condizionare la nomina del futuro capo della procura di Roma. Rispetto a questo scenario, l’inchiesta di Perugia ha travolto anche altri cinque consiglieri del Csm: Luigi Spina (Unicost) è stato indagato per rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento; altri quattro consiglieri (non indagati) sono stati toccati dalle intercettazioni su una cena con i parlamentari del Pd Luca Lotti e Cosimo Mattia Ferri nel corso della quale si parlava appunto di nomine. Spina e altri tre consiglieri si sono dimessi dal Csm, un quinto è autosospeso.

Non è esente dal terremoto nemmeno il procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio che ha firmato l’atto di accusa di Palamara. Il pg, iscritto nel registro degli indagati per rivelazione di segreto d’ufficio, dopo un colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha deciso che andrà in pensione anticipata.

Leggi anche:
– 
Statali, in vigore la riforma Bongiorno: concorsi, assunzioni e aiuti ai Comuni. Impronte digitali contro i ‘furbetti’
– Arrestato Bellomo, l’ex giudice che manipolava e umiliava le allieve. Il gip: «La scuola gli serviva per adescare le donne»
– Boscoreale, droga consegnata a domicilio: business da 2400 euro al giorno, 13 arresti
– Benzinai in sciopero il 17 luglio: protesta contro la trasmissione telematica degli scontrini all’Agenzia delle Entrate
– Bomba finta in tribunale per impedire un’udienza, 32enne rinviata a giudizio
– Docente ucciso mentre cambiava una gomma, 20enne ai domiciliari per omicidio stradale: trovato positivo alla cannabis
– Traffico illecito di carburante in Campania, Calabria e Lazio: 49 indagati
– Scontro totale tra Salvini e i magistrati: «Se un giudice sbaglia va licenziato, adesso serve una riforma seria»

martedì, 9 Luglio 2019 - 16:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA