Scontro infinito sulla prescrizione, Matteo Salvini senza filtri sulla riforma Bonafede: «Uno scempio, tentammo di fermarla»

Matteo Salvini
L'ex ministro degli Interni Matteo Salvini (foto Kontrolab)

«La riforma della prescrizione è uno scempio»: lo ha detto in diretta a Radio Crc questa mattina l’ex ministro dell’Interno e capo della Lega Matteo Salvini.

«Noi sospendemmo il blocco della prescrizione dicendo ‘se entra in vigore solo questo pezzo e non si accorciano i processi è un casino, un disastro’ perché in Italia non sia quanto starai sotto processo, ti fai il segno della croce – dichiarato Salvini –  Quindi noi dicemmo a Conte, Di Maio e Bonafede stop. Si rinvia di almeno un anno perché prima bisogna fare la riforma del processo penale. Quella riforma è scomparsa, non se ne ha notizia, ma entra in vigore quel pezzetto sulla prescrizione che è un obbrobri, uno scempio».

«Gli avvocati italiani sono in rivolta – ha aggiunto – perché complica il lavoro loro, allunga i tempi della giustizia e tiene sotto perenne processo e sequestro di persona, questa volta vero, potenzialmente milioni di italiani».

Leggi anche: Prescrizione, l’Ordine degli avvocati di Napoli: «Manifestazione contro la giustizia intesa come sterminio degli imputati»

La riforma della prescrizione ha preso il via, tra le proteste degli avvocati, lo scorso primo gennaio. Il testo si intitola “Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, nonché in materia di prescrizione del reato e in materia di trasparenza dei partiti e movimenti politici” e prevede  l’interruzione dei i termini di prescrizione dopo la sentenza di primo grado, sia in caso di assoluzione che di condanna.

Leggi anche:
– 
Bonus per asili nido e assegni, così la Manovra va incontro ai nuovi genitori: tutte le misure della Legge di Bilancio 
– Turista italiana trovata morta su una spiaggia di surfisti in Marocco, l’ipotesi è che sia annegata 
– Ambulanza sequestrata a Napoli, quinto caso dall’inizio del 2020: le violenze in corsia diventano emergenza nazionale 
– Escalation di attentati e violenza, Foggia sotto assedio: scatta l’offensiva dello Stato
– 
Casoria, due uomini arrestati dai carabinieri dopo un tentativo di estorsione ed un inseguimento 
– San Giorgio, riapre il pub ‘O Grill colpito dalla camorra e la parte sana della città affolla il locale | Il racconto 
– Caso Gregoretti, Italia Viva voterà per il processo a Salvini; le sorti del leghista nelle mani dei Cinque Stelle
– Napoli, viaggiava con una bomba in auto: un 34enne arrestato a Scampia
– Napoli ricorda le vittime del nazifascismo ma la Comunità ebraica diserta l’evento: «Mai insieme all’assessore De Majo»
– Caserta, incendio in una casa per anziani: due persone decedute. Vigili del fuoco salvano altre 4 persone
– San Giorgio, la città di Troisi ostaggio della camorra: bomba carta contro un pub, 10 anni scanditi da vittime innocenti e raid
– Napoli, 2020 in salita per de Magistris: polemiche sulle nomine, gruppo demA e maggioranza in pezzi, rebus Regionali
– Napoli, ancora violenza in corsia: 34enne aggredisce i medici e vandalizza il pronto soccorso del Vecchio Pellegrini
– Moglie accoltella il marito dopo una lite nel bar, tragedia sfiorata: l’uomo operato d’urgenza all’addome 
– In auto con 33 chilogrammi di cocaina, anziani insospettabili fermati dalla Finanza sulla Tangenziale di Napoli

lunedì, 6 gennaio 2020 - 11:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA