Foggia, Salvini e la foto dell’arrestato: l’Ordine dei giornalisti bacchetta il vicepremier e i giornali

Matteo Salvini, il ministro degli Interni (foto Kontrolab)

«Il dolore che tutti noi condividiamo e sentiamo come nostro per l’assassinio del carabiniere a Cagnano Varano non giustifica la pubblicazione di un colpevole peraltro presunto fino a sentenza definitiva di condanna in condizioni umilianti. Mi addolora e rammarica che un quotidiano importante come Repubblica l’abbia fatto persino in prima pagina». Così Carlo Verna, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, in merito alla diffusione della foto (che noi abbiamo scelto di non pubblicare) dell’arrestato per l’omicidio del carabiniere Vincenzo Carlo Di Gennaro mentre l’uomo è a terra, bloccato da un esponente delle forze dell’ordine. Foto, va sottolineato, divulgata su Twitter dal vicepremier Matteo Salvini e rilanciata dai siti di autorevoli giornali.

«Neanche se la fonte della foto è ministeriale – sostiene Verna – ciò costituisce valida giustificazione. Curioso poi che proprio qualche giorno fa Matteo Salvini abbia rivendicato di essere giornalista professionista, in quanto tale dovrebbe portare con sé sempre le regole deontologiche della professione. Sono proprio queste le occasioni in cui si marca la differenza fra il giornalismo che è sempre etico e la barbarie come quella che ha portato all’omicidio nel foggiano del maresciallo maggiore Vincenzo Carlo Di Gennaro. Bella invece la foto dell’auto del carabiniere ucciso avvolta nel tricolore, un delicato pensiero dei suoi colleghi che facciamo nostro».

Leggi anche:
– 
Afragola, via gli abusivi dalle case: ordinanza di sgombero per 3 famiglie. Maxi-spiegamento di forze dell’ordine
Incidente mortale sul raccordo autostradale: un 17enne perde la vita, grave un suo coetaneo
Giustizia, l’allarme dei sindacati: «Carenze di un lavoratore su 4 negli uffici giudiziari»
– Foggia, Salvini pubblica la foto dell’arrestato a terra e col sangue sul volto: perché non riproponiamo lo scatto
– Carabiniere ucciso, l’assassino avrebbe ucciso per ritorsione dopo alcuni controlli Il militare rimasto ferito è di Caserta
– Carabiniere ucciso nel Foggiano, l’omaggio dell’Arma: «Siamo tutti orfani di Vincenzo» A novembre morì Emanuele Reali
– Mattarella in visita al rione Sanità, il grido d’aiuto dei residenti: «Finite le passerelle, qui torna la paura»
– Spari ad un posto di blocco: muore un maresciallo dei carabinieri, ferito il collega. Fermato un 67enne nel Foggiano

lunedì, 15 aprile 2019 - 13:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA