Salerno, via libera alla Cittadella Giudiziaria: firmato il comodato d’uso
tra Comune e Ministero della Giustizia

cittadella giudiziaria salerno

E’ stato sottoscritto stamane nell’aula “Parrilli” del Tribunale di Salerno il contratto di comodato d’uso con cui il Comune di Salerno affida al Ministero della Giustizia la gestione e l’utilizzo delle palazzine D, E, F della nuova Cittadella Giudiziaria. I locali ospiteranno gli uffici dei servizi generali, la Corte di Appello, il tribunale di Sorveglianza e la Procura generale. «Un momento storico», secondo il governatore della Campania, Vincenzo De Luca che ha partecipato alla riunione della conferenza permanente.

«Completiamo un’opera strategica, una delle più importanti che abbiamo progettato negli anni Novanta», ha proseguito l’ex sindaco ripercorrendo le tappe principali che hanno caratterizzato la realizzazione dell’opera. «Oggi possiamo dire che abbiamo l’edificio giudiziario più moderno d’Italia, un’opera di grande bellezza architettonica. Un’architettura moderna disegnata da David Chipperfield. Non c’è nessuna Cittadella Giudiziaria che ha la stessa fruibilità di questa di Salerno. Stiamo continuando: abbiamo realizzato le aree di parcheggio e abbiamo avviato i lavori per realizzare un tunnel di collegamento pedonale tra la stazione e la cittadella. E’ un miracolo italiano».

Iside Russo, presidente della Corte d’Appello di Salerno, ha annunciato che «la settimana scorsa la conferenza permanente ha accettato la proposta d’intitolare i sei edifici della Cittadella Giudiziaria a illustri personalità su scala nazionale. E’ stata già istituita una commissione che deciderà». L’obiettivo è «mettere in evidenza l’ampio respiro culturale che anima la Cittadella Giudiziaria vista non solo come complesso edilizio ma anche come simbolo di una giurisdizione moderna».

Il direttore generale del Ministero della Giustizia, Antonio Mungo, invece, ha evidenziato «il gran lavoro di squadra» che è stato messo in campo per giungere al traguardo, mentre il sindaco di Salerno, Enzo Napoli ha sottolineato che con la firma del contratto «è terminato il disegno di realizzare un foro salernitano pienamente funzionante».

Leggi anche:
Rapina con spari alla sala scommesse nel Napoletano, arrestati gli autori
– Anac, Raffaele Cantone lascia l’incarico: «Decisione sofferta, ma non posso fare lo spettatore passivo»
– Esplode una palazzina all’Isola d’Elba: un morto e 2 feriti gravi, una donna dispersa sotto le macerie
– Droga lungo l’asse Napoli-Palermo, scattano 12 arresti nell’inchiesta ‘Bianco’
– Caos treni, via ai rimborsi per i ritardi Indagini sul possibile legame tra l’incendio e la sentenza sugli anarchici
– Bibbiano, Bonafede copia Law & Order: «Nasce una squadra speciale al ministero»
– 
Csm, 16 candidati per elezioni suppletive: la carica dei pm napoletani; spiccano i nomi di Di Matteo, Siciliano e Canepa

martedì, 23 luglio 2019 - 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA